Smartphone, la mano batte i numeri

Gli stili di vita fotografano la situazione meglio delle cifre.

Nel corso della presentazione del nuovo rapporto della School of Management del Polimi sul mercato dei media digitali in Italia, Tv compresa, ci si è soffermati, giustamente, anche sugli smartphone.
Va detto che il giro di affari relativo al settore mobile è ancora minoritario su tutto il comparto (2%).
Anzi, al termine di quest'anno registrerà anche una contrazione rispetto al 2008.

La causa? Nel bene e nel male, proprio gli smartphone, che con il loro carico di innovazione congelano il mercato così come è stato sinora e spingono a un cambio di paradigma, che però ha bisogno di tempo per manifestare i propri effetti sui numeri, cioè sul fatturato. Ma non su quello degli stili di consumo.

Come dire, la mano corre più veloce delle cifre e l'effetto si sente prima che possa essere fotografato dai rapporti.
Un esempio lampante lo ha fornito Vincenzo Russi del Cefriel, che ha fatto notare come molte persone programmino il proprio registratore tv digitale utilizzando il servizio su smartphone offertogli dal broadcaster.

Accade però che alcuni lo sfruttino anche stando fisicamente di fronte all'apparecchio tv: in casa, cioè, e non da remoto. Ossia, prediligono usare una connessione via satellite, di chilometri, a una a infrarossi, di metri. Perché oramai si sono abituati così e pure in fretta.

La conferma del successo del servizio l'ha data Remo Tebaldi di Sky Italia, per il quale oggi l'iPhone è il primo strumento per il booking di MySky. Mentre Stefano Genovesi di Mediaset ha ricordato i 140mila download dell'applicazione per vedere il Tgcom sull'iPhone.

Sono applicazioni gratuite, e quindi da sé non fanno numero. Ma se le contestualizziamo in un modus operandi (e anche vivendi), fanno capire come negli appstore ci siano grandi possibilità. Anche quella di far trascurare strumenti ancora validi come il telecomando.

Ha ragione ancora una volta Flaiano: in Italia la via più breve per collegare due punti è l'arabesco.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here