La shadow IT nelle aziende ha i nomi di Facebook e Workplace

Lanciata a fine 2016, Workplace, la versione business di Facebook, si distingue nettamente dai suoi concorrenti per le sue potenzialità sociali e di networking. Questa almeno è l'opinione della società di consulenza francese Lecko nel suo barometro 2018 "The State of the Art of Internal Transformation of Organizations", appena pubblicato.

Lo studio visualizza una trentina di applicazioni collaborative. Utilizzando la sintassi storica di Facebook, Workplace offre un'esperienza già vissuta da 2 miliardi di utenti attivi. Una situazione che indubbiamente contribuisce, infatti, a facilitarne l' adozione nelle aziende.

La shadow IT di Workplace

Accanto all'analisi dell'offerta, Lecko ha condotto un sondaggio su un panel rappresentativo di 1.000 dipendenti, tutti provenienti da aziende con più di 5.000 dipendenti in Francia.

Prima osservazione: il 67% degli intervistati usa occasionalmente o regolarmente "una soluzione non proposta dall'azienda per scambiare e lavorare con i colleghi".

E per il 25-30% delle persone consultate, Facebook viene utilizzato per questo scopo, davanti a WhatsApp (circa il 20% degli intervistati), Doodle (15-20%), poi G Suite, WeTransfer, Box e Dropbox (tra il 10 e il 15% ciascuno). A titolo di conferma, Office 365 non viene citato dagli intervistati.

In pratica Facebook è in diretta concorrenza con Workplace e quindi con se stesso. Anche se Workplace è uno strumento di qualità e facile da usare, il servizio di mercato di massa di Facebook offre fin dall'inizio una capacità molto maggiore di coinvolgimento dei dipendenti.

Oltre all'ergonomia di ultima generazione, sono soprattutto le dimensioni critiche raggiunte dai servizi digitali di consumo che attraggono i dipendenti.

Ma al di là di Facebook, questo aumento della potenza della tecnologia non padroneggiata dai dipartimenti IT potrebbe rivelarsi pericoloso per le organizzazioni. Questi servizi digitali possono in alcuni casi avere una conoscenza più approfondita dell'azienda, dei suoi dipendenti e delle sue competenze rispetto all'azienda stessa.

LinkedIn è un esempio tipico. Le aziende perdono così parte del loro controllo sul patrimonio aziendale. Per non parlare del pericolo di permettere lo scambio di informazioni potenzialmente riservate all' esterno senza alcun controllo.

Di fronte alla shadow IT, i Cio si stanno mobilitando implementando suite di produttività come Office 365 o G Suite. Si tratta di offerte ricche che soddisfano l'80% del fabbisogno pur essendo relativamente economiche. È opinione di Lecko, tuttavia, che Office 365 non sia particolarmente completo. I clienti della piattaforma Microsoft poi incontrerebbero difficoltà a rendere efficaci su larga scala tutti gli utilizzi proposti.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here