Sendo torna alla carica con lo smartphone

Dopo la querelle dello scorso anno conclusa con la sospensione, a 10 giorni dal lancio ufficiale dello Z100, di ogni rapporto di collaborazione con Microsoft, la società prosegue nello sviluppo di un nuovo prodotto, basato su Symbian

1° luglio 2003 Evidentemente in Sendo allo smartphone credono proprio. Tant'è, che dopo aver rotto lo scorso autunno ogni rapporto con Microsoft legato allo sviluppo dello Z100, a 10 giorni dal lancio commerciale del prodotto, Sendo è pronta a riprovarci.
Pochi, naturalmente, i dettagli fino a questo momento svelati rispetto al nuovo device, che non sarà disponibile prima della fine dell'anno. Di certo si sa che sarà basato su Symbian e che non nasce dalle ceneri del mai nato Z100, ma è costruito sulla base di un progetto completamente nuovo, anche per quanto concerne il design.
In vista dell'annuncio, Sendo ha riallacciato le relazioni con gli operatori di telefonia mobile, che già avevano mostrato il loro interesse nei confronti del prodotto precedente, con l'obiettivo di arrivare al lancio con accordi già definiti e stipulati.
E in attesa dello smartphone, indirizzato al mercato business, l'azienda inglese rinnova la propria offerta di telefonia mobile con due nuove linee.
Di immediata disponibilità sono i modelli della Serie S300: dual band, 90 grammi di peso e batterie che durano fino a 300 minuti di conversazione e a 260 ore in stand by. Per quanto riguarda il prezzo, la Serie S300 dovrebbe posizionarsi sulla stessa fascia di prezzo del fortunato 3310 di Nokia, dunque inferiore ai 100 euro.
È invece previsto per il mese di luglio il rilascio sul mercato italiano la serie M550. In questo caso si tratta di un Gprs, con schermo a colori e dal peso di 77 grammi. In questo caso il prezzo dovrebbe essere inferiore ai 200 euro.
Per quanto riguarda la rete distributiva, oltre al canale Wind, con il quale Sendo ha una collaborazione ormai pluriennale, è da poco attiva una collaborazione con Sinudyne, che dovrebbe consentire una buona penetrazione sulla grande distribuzione organizzata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here