Sempre meno credito e a tassi più alti per le piccole imprese

Tra dicembre 2010 e marzo 2012 i finanziamenti sono diminuiti del 4% mentre i tassi di interesse sono saliti fino al 10,39%. In provincia di Caltanissetta il credito per un’impresa è due volte più costoso rispetto a Bolzano.

Sempre più credito con il contagocce
alle imprese italiane. Tra novembre 2011 e aprile 2012 i finanziamenti sono diminuiti di 26.750 milioni di euro, pari al
-2,6%.

È quanto emerge dall'ultimo rapporto di Confartigianato secondo il quale, al
calo della quantità di finanziamenti, si accompagna l’aumento dei tassi di interesse. Ad aprile di
quest’anno il tasso medio si è attestato al 3,68%, ma saliva al 4,73% per i prestiti fino a 1 milione di euro per
arrivare fino al 5,15% per i prestiti
fino a 250.000 euro
.

Con questi valori, l’Italia è seconda soltanto alla Spagna per i tassi più alti d’Europa.
Ma siamo sul gradino più alto del podio europeo per il maggiore aumento dei tassi: 68
punti base in più tra aprile 2011 e aprile 2012.

Le più penalizzate sono ancora una volta
le piccole imprese, che da dicembre
2010 a marzo 2012 hanno visto diminuire
i finanziamenti del 4%
e pagano tassi
d’interesse maggiori di 223 punti base
rispetto a quelli richiesti alle
aziende medio-grandi. Per le imprese con meno 20 addetti la crescita dei tassi
di interesse tra marzo 2011 e marzo 2012 è stata di 139 punti base.

A livello regionale la situazione peggiore si registra in Calabria dove le piccole imprese pagano
i tassi più alti: 10,39%. Seguono la Campania con il 10% e la Liguria con il 9,85%. Sul
versante opposto della classifica, il denaro è meno costoso nella Provincia
Autonoma di Bolzano (5,99%), nella
Provincia Autonoma di Trento (6,19%) e in Emilia Romagna (7,76%).

A livello provinciale, la maglia nera del denaro più caro va a Caltanissetta
dove le aziende pagano tassi d’interesse del 7,77%, con un aumento, tra il 2010
e il 2011, di 249 punti base. Seguono Crotone, che registra tassi del 7,02% e
aumento di 66 punti base in un anno, e Agrigento con tassi al 6,97% aumentati
di 176 punti base in un anno. All’altro capo della classifica vi è Bolzano con tassi d’interesse del 3,80%
(+ 109 punti base in un anno), seguita ex aequo da Forlì e Cesena (tassi del
4,24% cresciuti di 117 punti base) e da Parma (4,24%, + 101 punti base in un
anno).

In provincia di Caltanissetta, quindi il credito per un’impresa è due volte più
costoso rispetto a Bolzano, con uno
spread di ben 397 punti bas.

Se si confrontano i tassi applicati alle piccole
imprese e quelli pagati dalle aziende medio-grandi, lo spread maggiore si
registra in Liguria (326 punti base), seguita dalla Valle d’Aosta (313 punti
base) e dal Piemonte (209 punti base). Minore il distacco in Molise (41 punti
base), nella Provincia Autonoma di Bolzano (136 punti base) e nel Lazio (!40 punti
base).

A ‘soffrire’ di più il razionamento del
credito sono le imprese artigiane dove
da giugno a dicembre 2011 lo stock di
finanziamenti è diminuito del 3,1%
e si attesta a 55,7 miliardi.

Secondo le stime di Confartgianato, nonostante
il calo di risorse creditizie, l’artigianato si sforza di creare maggiore
ricchezza rispetto alle altre aziende e per produrre 100 euro di valore
aggiunto utilizza soltanto 31 euro di credito, mentre le imprese non artigiane
hanno bisogno di 126 euro per realizzare 100 euro di valore aggiunto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here