Se il cloud non fa più paura

Cambia il rapporto tra canale It e cloud. Da inevitabile minaccia a possibile opportunità. Di tornare a fare un mestiere antico.

”Il cloud fa paura al canale”.
Lo abbiamo scritto e detto noi di 01net.it e i nostri colleghi.
Lo hanno scritto e detto molti tra i fornitori di tecnologia, per i quali l'ingresso deciso nel cloud si è accompagnato alla necessità, prima ancora che dalla volontà, di spiegare ai partner di canale come quella parola, ”disintermediazione”, non dovesse essere letta necessariamente come una minaccia a un modus operandi consolidato, ma un'opportunità per lavorare in un modo nuovo.

Facile a dirsi, meno facile a farsi, soprattutto perché ”disintermediazione” e ”vendita diretta” suonano un po' sinonimi e non è certo semplice riuscire a spiegare a un partner, e ancor di più a un distributore, come si fa a far business insieme, quando la vendita diventa un filo diretto con il cliente.

Qualcosa però col tempo è cambiato e la musica che oggi risuona sembra davvero diversa rispetto al passato.
Come se il canale fosse arrivato alla logica conclusione che se una cosa non si può combattere, tanto vale farsela amica.

Così, a partire da Computerlinks con Alvea, annunciata ormai più di un anno fa, per arrivare agli annunci recentissimi di Esprinet con Assocloud e di Icos con Nu-Age, è tutto un proliferare di iniziative nelle quali i distributori riprendono in mano il controllo della situazione e diventano essi stessi aggregatori, in primis, fornitori in seconda battuta, di servizi e soluzioni pensati non semplicemente per il cloud, ma per i loro rivenditori.
Che a loro volta hanno bisogno di un modo nuovo di portare l'innovazione verso i clienti.

Venti anni fa, quando anche in Italia cominciarono a farsi strada i broadliner, l'atout che i distributori seppero giocarsi fu quello di rappresentare il ”one top shop” per le esigenze tecnologiche dei loro clienti. Fossero queste orizzontali oppure verticali, dal networking al mondo della grafica.
E se lo diventassero anche oggi, semplicemente in the cloud?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here