Sarà Milano la prossima Startup Town mondiale

Tra i 50 progetti sviluppati da Assolombarda per far ripartire il sistema Lombardia trova particolare interesse l'idea di far di Milano un polo mondiale per le startup. In quest'ottica da un lato si sta sviluppando un ecosistema di riferimento, dall'altro si punta a reimpiegare l'area dell'Expo 2015 come luogo concentrato di saperi e tecnologia.

Vogliamo fare di Milano una Startup Town”, ha dichiarato Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda, all'incontro di sintesi dei 50 Progetti per Far Volare Milano. Un anno dopo. Dalla scorsa primavera sono entrate gratuitamente in Assolombarda oltre 100 startup, e l'Associazione ha aggregato 23 istituzioni e soggetti locali che rendono Milano più attraente per questa categoria di imprese. “Lavoriamo per trasferire le idee dalle università alle imprese, colmando le carenze del sistema, procedendo per filiere e organizzando sessioni di contatto tra idee, brevetti e spin-off”.

Secondo i dati presentati in occasione dell’incontro, nel 2014 per ogni azienda che chiude, in Lombardia nascono 19 startup.

Ci sono quindi le condizioni perché Milano, dopo l'Expo, diventi una vera e propria Digital Town.

Per raggiungere questo obiettivo, Assolombarda lavora con alcune primarie aziende associate e con importanti partner finanziari e istituzionali perché l’area di Expo, terminato l’evento, diventi permanentemente una Silicon Valley italiana. Le eccezionali condizioni di infrastrutturazione e digitalizzazione predisposte per l'Expo potranno essere sfruttate al meglio.

L'infrastruttura digitale, detta E015, è già oggi la più avanzata piattaforma italiana digitale per l’interazione in tempo reale di soggetti pubblici, cittadini e privati, per l’offerta di servizi integrati delle imprese e l’empowerment personale dei clienti e consumatori.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome