Roberto Chinelli, Avanade: ai distretti produttivi serve un CTO as a service

"Nella trasformazione digitale c’è un punto mancante. Le aziende hanno un Cio ma spesso non c’è un Cto, ovvero una persona competente che sia in grado di unire un’esigenza di business con l’innovazione tecnologica. Una persona che sappia lavorare sulle Api, che esponga il proprio business digitale e non abbia paura a farlo. Questo è un passaggio fondamentale per entrare nell’economia delle piattaforme". Così si è espresso Roberto Chinelli, CTO e Digital BU Lead di Avanade, alla Tavola Rotonda Outlook 2018 organizzata da 01net.

Chinelli ha aggiunto: "C’è però un fattore da considerare, quello umano. Nonostante si possa digitalizzare tutto, anche sulle tecnologie digitali c’è un intenso lavoro umano. La catena del valore digitale diventerà reale nel momento in cui la workforce viene automatizzata, ma non con la paura di perdere posti di lavoro quanto invece con l’intento di liberare potenza produttiva".

"Oggi – ha sottolineato Roberto Chinelli – c'è una grande richiesta di utilizzo dell'intelligenza artificiale, di un automatismo o di qualsiasi cosa possa migliorare la qualità della vita del lavoratore".

Il CTO condiviso

Roberto Chinelli ha concluso dicendo:"Ci vorrebbe un imprenditore che abbia il coraggio di dotarsi di un Cto che non gli parli solo di costi dell’infrastruttura ma che gli dica: 'c’è questa tendenza, proviamo ad adottarla'. Per i distretti l’ideale sarebbe un Cto as a service che possa essere condiviso".

Nel video seguente Roberto Chinelli racconta in meno di 60 secondi su cosa dovrebbero puntare le Pmi secondo Avanade per ottenere un reale vantaggio dalla trasformazione digitale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here