Risparmio opensource per l’Amministrazione Penitenziaria

Oggetto di un processo di transizione verso soluzioni aperte per abbattere i costi di gestione dell’infrastruttura It, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria è passato a Red Hat.

Tra gli obiettivi della struttura che fa capo al Ministero della Giustizia e ha il compito di coordinare e gestire le attività relative agli istituti penitenziari, al personale in servizio presso le varie strutture e ai detenuti, anche la semplificazione della gestione delle proprie applicazioni critiche.
Prime fra tutte Sidet web 2 e SiCo, migrate senza interruzioni di servizio nella seconda metà del 2013 sulla piattaforma JBoss Enterprise Application dopo essere state virtualizzate con Red Hat Enterprise Linux e Red Hat Enterprise Virtualization.

Ma mentre il sistema informatico che raccoglie tutte le informazioni sui detenuti e le rende accessibili via Web al personale autorizzato e all’autorità giudiziaria è stato semplicemente trasferito, la migrazione dell’applicazione interna che permette di gestire le mercedi e i salari dei detenuti ha richiesto la completa re-iscrizione delle interfacce, a garanzia di una totale interoperabilità applicativa.

I risultati ottenuti hanno, infine, convinto la struttura dell’opportunità di migrare su JBoss Enterprise Application Platform anche Siap/Afis, applicazione che permette il riconoscimento univoco dei detenuti sulla base delle impronte digitali, grazie a un esteso database dedicato.

Il tutto per una riduzione complessiva dei costi di gestione dell’infrastruttura It passati, secondo Rodolfo Cappelli, Responsabile Pianificazione, Acquisizione Risorse e Controllo di Gestione, Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, da 5 a 1,7 milioni di euro.

Oltre a dismissione di vecchie licenze e di onerosi contratti di manutenzione, il plauso va anche all’accesso a specifici programmi per la formazione erogati da Red Hat sia in aula sia on-premise, utile a gestire l’intera infrastruttura in modo semplice ed efficace, pur avendo a disposizione un team It di dimensioni ridotte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here