Riportare lo shopping in store con una app

CheckBonus, la startup che ha lanciato l’omonima app che permette di ottenere buoni spesa e gift card entrando negli store fisici e interagendo con i brand all’interno dei supermercati, ha presentato una possibile strategia in 4 step per favorire un aumento degli acquisti in store.

CheckBonus - GiftCard gratis

L'idea è chiara: trasformare il customer journey in un’esperienza semplice ma coinvolgente e portare il cliente in store utilizzando le funzionalità offerte dalle nuove tecnologie nel campo del proximity marketing.

CheckBonus è un’applicazione mobile che incentiva lo store traffic premiando i consumatori che entrano in negozio. Attraverso una piattaforma di proximity marketing e rewarding, CheckBonus consente a brand e insegne di comunicare in store con i propri consumatori aumentando il traffico dei punti vendita e la fidelizzazione del consumatore. La piattaforma permette agli utenti di ottenere premi e promozioni semplicemente entrando nel punto vendita e questo permette di aumentare la pedonalità, la frequenza di visita, di migliorare la comunicazione in store e stimolare gli acquisti e i comportamenti d'acquisto. CheckBonus si basa su un circuito di oltre 2.000 negozi convenzionati, più di 400.000 utenti e ben 10 catene tra le più importanti in Italia. A queste possibilità si aggiunge la funzionalità SCAN che amplia l’attività di CheckBonus anche al settore retail dove permette ai consumatori di giocare con i prodotti e accumulare punti attraverso la scansione del codice a barre, ai brand di sviluppare nuove dinamiche di customare engagement anche all’interno dei supermercati.

Aumentare il traffico in store

Questo aspetto è fondamentale in quanto la costante pedonalità è davvero in grado di aumentare le vendite. Una pratica da tenere in considerazione è il geofencing che invia push notification geo-localizzate ai consumatori quando passano vicino al negozio. Altra attività favorevole è quella di creare sistemi di rewarding che incentivino l’utente alla ripetitività della visita in negozio.

Guidare il consumatore verso lo scaffale

Sfruttando il proximity marketing con l’invio di messaggi e notifiche push contestuali è possibile indirizzare i potenziali consumatori in aree o reparti precisi all’interno dello store. E, una volta che il consumatore ha raggiunto il punto di interesse, è possibile inviargli ulteriori notifiche promozionali che lo spingano ad acquistare un determinato prodotto.

Aumentare l’engagement tra brand e consumatore

Molti studi dimostrano che il consumatore odierno ama essere maggiormente coinvolto nelle pratiche d’acquisto e desidera una più coinvolgente shopping experience. Per far fronte a questo bisogno diventa importante far dialogare il brand con il consumatore e in tal caso, attraverso notifiche in store, i prodotti possono diventare parlanti e comunicare direttamente con il consumatore.

Favorire l’acquisto con promozioni e buoni sconto

Buoni e promozioni aiutano anche a favorire l’aumento della spesa in negozio. A tal proposito CheckBonus, essendo un sistema di reward, offre ai suoi utenti la possibilità di accumulare punti ad ogni ingresso nei negozi convenzionati e, raggiunte determinate soglie punti, gli utenti possono accedere al catalogo premi e richiedere premi quali gift card o buoni sconto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here