Riorganizzazione in vista per Siemens

La cessione delle attività pc ad Acer è solo uno degli aspetti di una riorganizzazione che coinvolgerà l’insieme delle attività high-tech grup po Siemens e che sarà concretizzata a partire dal prossimo ottobre. Il col

La cessione delle attività pc ad Acer è solo uno degli aspetti di una
riorganizzazione che coinvolgerà l'insieme delle attività high-tech grup
po
Siemens e che sarà concretizzata a partire dal prossimo ottobre. Il coloss
o
teutonico intende ristrutturare competenze e responsabilità, per proporsi
al mercato come un moderno polo high-tech con interessi nell'informatica e
nelle telecomunicazioni. A tale scopo, sarà creata, sotto la nuova
etichetta Siemens I&C, una struttura basata su tre entità, che si
occuperanno di prodotti, reti e servizi. Questa tripartizione corrisponde
ad altrettante aree di interesse del gruppo, coperte dalla già conosciuta
Sni, dalle attività per reti pubbliche e da quelle per reti private.
La novità principale di questa riorganizzazione sta nella sostanziale
abolizione della distinzione fra informatica e comunicazioni, entrambe
convogliate sotto la stessa bandiera. Così, la divisione prodotti seguir
à
tutto quanto riguarda sistemi, server e pc, nonché la loro manutenzione,
con un fatturato stimato di quasi 19mila miliardi di lire. Sotto l'egida
delle reti rientrano tanto gli interessi privati quanto le Tlc pubbliche,
con un giro d'affari di quasi 23mila miliardi di lire, mentre i servizi
seguiranno soprattutto le reti, ma anche l'outsourcing e altre attività
similari (valore stimato: 87mila miliardi di lire).
Siemens I&C avrà un organico di circa 100mila persone e, con un giro
d'affari complessivo che equivale a circa il 40% del fatturato di tutto il
gruppo. Le altre attività (semiconduttori, medicale, automobile,
elettromeccanica e così via) non saranno coinvolte nella riorganizzazione.
Le novità strettamente informatiche di questi ultimi tempi tengono già
conto dell'annunciata riorganizzazione. In questo contesto rientrano tanto
l'accordo Oem con Acer sui pc quanto la scelta di Solaris come sistema
operativo Unix di riferimento per il futuro e, quindi, per le previste
evoluzioni a 64 bit. In entrambi i casi, l'intenzione è quella di snellire
la produzione interna, per concentrarsi da un lato sulla ricerca e
dall'altro su marketing e vendite.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome