Rete Imprese Italia e Intesa Sanpaolo, 5 miliardi alle Pmi per superare la crisi

Punto di forza della collaborazione la flessibilità funzionale alle specificità dei territori. Previsti strumenti e iniziative per migliorare il dialogo tra banca e impresa e nuove modalità di valutazione dell’impresa stessa.

Valorizzare le specificità territoriali delle piccole imprese e la flessibilità di risposta alle loro peculiari esigenze creditizie. Questo l'obiettivo dell'accordo di collaborazione siglato da Rete Imprese Italia e Intesa Sanpaolo e volto a sostenere le Pmi e favorire il superamento dell'attuale fase di crisi economica.

Il plafond di finanziamenti messi in campo da Intesa Sanpaolo da 5 miliardi guarda a un insieme di interventi che Rete Imprese Italia ha definito esigenze prioritarie delleimprese associate in questa fase congiunturale: sostegnoalcapitalecircolanteebrevetermine, ricapitalizzazionedelleimprese, ristrutturazionedeldebito, sostegnoallaliquidità.

Le imprese interessate sono 2,6 milioni, impiegano oltre 11 milioni di addetti e rappresentano il 60 per cento della forza lavoro in Italia.

L'intesa si concretizzerà attraverso l'individuazione di nuove modalità di dialogo tra banca e impresa a livello locale, la valorizzazione del ruolo dei Confidi e l'utilizzo al meglio degli strumenti pubblici di garanzia, l'individuazione di modalità di valutazione dell'impresa che consentano un'analisi completa dell'attività imprenditoriale sotto il profilo quantitativo e qualitativo e l'identificazione di strumenti di finanziamento che possano supportare i processi di riequilibrio della gestione finanziaria, di ricapitalizzazione dell'impresa e fornire maggiore liquidità per l'attività imprenditoriale.

Per favorire l'attuazione dell'accordo le Associazioni di categoria aderenti a Rete Imprese Italia e le 23 Banche appartenenti al Gruppo mettono a disposizione una rete di referenti locali, uno per ogni Provincia, che garantiranno la necessaria vicinanza alle imprese del territorio.

Agevolare il dialogo tra banca e impresa è pure tra i principali obiettivi dell'accordo. Infatti per accrescere la trasparenza nel processo di valutazione del credito e la conoscenza condivisa del business aziendale Intesa Sanpaolo ha predisposto due semplici modelli di autovalutazione, messi a punto per rispondere rispettivamente alle esigenze del commercio e dell'artigianato. Essi consentono alle imprese di valutare la propria situazione economico-finanziaria e la sostenibilità delle proprie scelte imprenditoriali, ma soprattutto contribuiscono a creare una maggiore consapevolezza rispetto alle informazioni che i vari soggetti che interagiscono con l'azienda (fornitori, clienti o consulenti) possono richiedere. I modelli di autovalutazione sono a disposizione delle imprese associate sui siti internet delle Associazioni di categoria che hanno sottoscritto l'accordo.

Per Rete Imprese Italia e Intesa Sanpaolo è determinante il coinvolgimento Confidi. In quest'ottica, è stato creato un Portale Confidi, cioé un'interfaccia web che consente ai Confidi convenzionati di monitorare l'andamento delle operazioni di finanziamento garantite.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here