Quando la smart card parla con il database

La società americana Gemplus ha annunciato una nuova tecnologia che
consente alle smart card di interfacciarsi con i tradizionali database
client/server, utilizzando l’Api Open Database Connectivity. Si tratta,
secondo un portavoce dell’azienda, di un annuncio importante, perché apre
la strada allo sviluppo di applicazioni che consentono la connettività
delle schede con banche dati di grandi dimensioni perché questa nuova
tecnologia, chiamata PocketBase, si basa su un protocollo che assicura una
grande sicurezza nelle transazioni finanziarie e consente la replicazione
delle informazioni.
PocketBase utilizza il linguaggio Structured Card Query Language, un
sottoinsieme di Sql molto usato nel mondo dei database.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here