Q3 fra alti e bassi per Eds che annuncia tagli

Il colosso texano ha chiuso il terzo trimestre dell’esercizio fiscale in corso con guadagni leggermente al di sopra delle precedenti stime, ma il declino riportato nel fatturato costerà il posto al 3-4% dell’intera forza lavoro

4 novembre 2002 Dopo aver ridimensionato le previsioni di guadagno riferite al terzo trimestre dell'esercizio fiscale in corso Eds ha annunciato entrate nette per 86 milioni di dollari, o 18 centesimi per azione, su un fatturato di 5,41 miliardi di dollari. Lo scorso mese di settembre, le stime della società texana parlavano di guadagni compresi fra i 12 e i 15 centesimi per azione e di un fatturato fra i 5,3 e i 5,5 miliardi. Ma a fronte di un pesante ridimensionamento dei propri guadagni e di un declino del fatturato pari al 3%, Electric Data Systems ha reso nota l'intenzione di licenziare, nel corso dei prossimi trimestri, dal 3 al 4% della propria intera forza lavoro. Un provvedimento che, già entro la fine di quest'anno, dovrebbe interessare fra gli 800 e i 1.000 dipendenti Eds. Sempre allo scopo di ridurre i propri costi e fronteggiare la mancata ripresa degli investimenti da parte delle aziende, la società ha annunciato l'intenzione di mettere in vendita alcuni asset considerati non-core.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here