Protezione Libra ESVA per il mail server di Bricofer

email_marketing-mano_bustaAggiornata, nel 2014, la parte di server e storage e attuato il passaggio dalla virtualizzazione basata su VMware all’hypervisor Microsoft Hyper-V, Bricofer ha scelto Libra ESVA per migliorare la sicurezza sul fronte del mail server.

Nato nel 1979 come piccolo negozio di ferramenta a Roma, il brand italiano del “Fai da te”, passato da gruppo d’acquisto composto di dettaglianti a rete distributiva formata da punti vendita a gestione diretta e in franchising, è oggi una realtà con 62 punti vendita specializzati in tutta Italia.

La stessa che, con l’apporto consulenziale di Atinet, ha scelto di non trascurare la propria infrastruttura It per la protezione delle 500 caselle di posta elettronica, gestita dalla sede centrale romana.
Detto addio all’ormai inefficace modulo di filtraggio contenuto nel mail server Zimbra, Vittorio Cimin, It Manager presso Bricofer, ha scelto una soluzione antispam in grado di far fronte al cospicuo aumento del carico di mail che la struttura quotidianamente invia e riceve.

Parliamo di 6mila mail analizzate nei giorni in cui si registra un basso livello di traffico di posta gestito dalla dashboard di Libra ESVA che, dopo la fase di trial, è stata gradualmente introdotta nelle caselle di posta dei 62 punti vendita a marchio Bricofer, senza richiedere specifici interventi al team di sviluppo Libraesva.

A oggi, dopo l’installazione e il consolidamento del nuovo datacenter, in aggiunta al mail gateway Libra ESVA, il Gruppo sta valutando l’introduzione di ESVA Personal e dei tool di delivery information e real time monitoring per consentire alla forza vendita che passa la maggior parte del tempo fuori ufficio di gestire al meglio le problematiche legate alla posta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here