Proteggere gli Internet datacenter con il cloud signaling

La funzionalità delle appliance Pravail Aps di Arbor Networks serve a prevenire attacchi DDoS.

Arbor Networks ha presentato Pravail Availability Protection System (Aps), una famiglia di appliance progettate per difendere il perimetro degli Internet datacenter che dispone della funzionalità Cloud Signaling, un protocollo che mira a colmare la lacuna di sicurezza esistente tra il perimetro dei datacenter e il cloud del service provider.

Cloud Signaling consente la protezione dalle minacce alla disponibilità di dati e servizi identificando e mitigando gli attacchi rivolti contro il layer applicativo in prossimità del perimetro del datacenter e gli attacchi Denail of Service di tipo volumetrico contro il backbone del provider.
Punta a fornire una risposta coordinata a entrambi gli aspetti delle minacce DDoS: la magnitudine degli attacchi volumetrici e il livello di complessità di quelli diretti contro il layer applicativo.

Collaborando con i clienti di Internet Service Provider (Isp) e Managed Security Services Provider (Mssp), Arbor Networks ha messo a punto un protocollo ad hoc che semplifica il processo di mitigazione on-premise degli attacchi riguardanti il layer applicativo e la mitigazione upstream di quelli volumetrici secondo un approccio automatizzato e in tempo reale.

Nel momento in cui l'operatore di un datacenter rileva un attacco DDoS che impatta sui servizi, può scegliere di intervenire adottando funzioni di mitigazione in-the-cloud innescando un segnale diretto all'infrastruttura upstream della rete del proprio provider.

L'attacco DDoS volumetrico che congestiona i link upstream verrebbe immediatamente ridotto o scomparirebbe addirittura dai link di accesso del data center, a tutela della disponibilità dei servizi.

Cloud Signaling, in sostanza permette all'operatore di Internet datacenter di ridurre i tempi necessari alla mitigazione e aumentare i livelli di efficacia delle risposte alle minacce DDoS, con notevoli vantaggi anche sul fronte delle spese operative e della reputazione aziendale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here