Pronto il nuovo direttivo per l’innovazione europea

La Commissione europea ha nominato dodici nuovi membri per dirigere l’Istituto europeo di innovazione e tecnologia. C’è anche Gianfelice Rocca di Techint.

La Commissione europea ha nominato dodici nuovi membri del comitato direttivo dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (Iet) che assumeranno ufficialmente le loro funzioni il prossimo 31 luglio.
Il comitato direttivo è responsabile della strategia globale e della selezione, il coordinamento e la valutazione delle "Comunità della conoscenza e dell'innovazione" (Cci), i poli innovativi a partenariato pubblico-privato.
Le Cci riuniscono istituti d'istruzione superiore, centri di ricerca e imprese di eccellenza per affrontare le grandi sfide della società, come i cambiamenti climatici e l'energia sostenibile, in maniera innovativa.

Il comitato direttivo sovrintenderà all'attuazione dell'agenda strategica per l'innovazione dello Iet proposta dalla Commissione, tesa alla nascita di 600 nuove imprese e la formazione di circa 10mila studenti e 10mila dottorandi per nuove figure professionali che coniughino studi scientifici di eccellente livello a forti elementi imprenditoriali.

La Commissione europea ha proposto nel prossimo quadro finanziario un budget di quasi 3 miliardi di euro per consentire allo Iet di istituire sei nuove Cci in aggiunta ai tre poli iniziali dedicati ai cambiamenti climatici, all'energia sostenibile e alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

Chi c'è nel comitato direttivo
Il comitato direttivo dello Iet è composto da 22 professionisti provenienti dai settori dell'istruzione, della ricerca e dell'imprenditoria.
I 12 nuovi membri si aggiungeranno ai 6 membri del comitato direttivo iniziale, che resteranno in carica per quattro anni prima della prossima rotazione.
Il comitato direttivo comprende anche altri quattro membri eletti tra il personale amministrativo, gli studenti e i dottorandi dello Iet e delle Cci.

Fra le nuove nomine spiccano quella di Gianfelice Rocca, presidente del gruppo Techint e fra i fondatori dell'Istituto clinico Humanitas di Milano e di María Garana, presidente di Microsoft Spagna.
Gli altri sono Gabor Bojar, fondatore di Graphisoft, Ulf J. Johansson presidente del cda di Novo A/S, Elpida Keravnou-Papailiou, rettore dell'Università della tecnologia di Cipro, Jana Kolar, fondatrice e proprietaria di Morana, Marja Makarow, direttrice della ricerca dell'Accademia di Finlandia, Peter Olesen, direttore del Consiglio danese per la ricerca strategica, Patrick Prendergast, Presidente del Trinity College di Dublino, Bruno Revellin-Falcoz, presidente dell'Accademia nazionale di tecnologia francese, Nigel Thrift, Vice-cancelliere dell'Università di Warwick, Jeroen Van Der Veer, direttore non esecutivo di Shell.

Si aggiungono ai membri già in carica Alexander Von Gabain, chairman dell'Eit, Daria Golebioswska Tataj della Scuola di business e tecnologia dell'Università di Varsavia, Karen Maex, vice rettore all'Università di Lovanio, Peter Tropschuhm di Volkswagen Group, Linnar Viik dell'Estonian Information Technology College e Wolfgang Herrmann dell'Università di Monaco di Baviera.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here