Professioni più che “sicure”

Il volto del recruiting in ambito Ict cambia: le aziende sono alla ricerca di professionisti sempre più preparati e altamente “skillati” soprattutto in alcuni ambiti

In questo momento, è caccia aperta agli esperti di sicurezza informatica, agli analisti e ai programmatori capaci di usare i linguaggi più innovativi, agli specialisti di portali, ai database administrator, ai consulenti e-business e ai project manager. Inoltre, porte aperte anche per i knowledge manager e per i technical trainer, professionisti in grado di trasferire, all'interno e all'esterno dell'azienda, conoscenze e abilità tecniche in un mondo dove le tecnologie evolvono a ritmi vertiginosi e impongono, dunque, una formazione continuativa e incessanti aggiornamenti. Per gli stessi motivi, molto ricercati dalle aziende sono i professionisti dell'assistenza tecnica, tra cui gli operatori di call center tecnico.
Secondo i dati della recente indagine realizzata da Microsoft in collaborazione con Netconsulting, sono 32mila i lavoratori hi-tech che ancora mancano all'appello per una perdita complessiva a carico del Sistema Paese di oltre 3 miliardi di euro nel 2002. Come confermato dall'andamento delle ricerche effettuate su jobpilot.it, si tratta di specialisti legati all'area sviluppo, pianificazione e progettazione, sicurezza, assistenza e supporto tecnico.
In totale coerenza con la consapevolezza del valore strategico delle risorse umane, le aziende ricercano e richiedono i profili più qualificati e, per assicurarseli, gestiscono la campagna di recruiting in termini professionali, per esempio utilizzando gli innovativi servizi di net head-hunting. Le aziende, quindi, assumono meno in termini di volumi, ma sono diventate più attente, prudenti ed esigenti riguardo alla qualità delle assunzioni in programma.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here