Primi segnali positivi dalle banche per Tecnodiffusione

Alcuni istituti di credito hanno dato parere positivo alle proposte riguardanti il riposizionamento del debito

23 dicembre 2003 Il Cda di Tecnodiffusione ha diramato la nota mensile relativa alla situazione patrimoniale della società al 31 ottobre 2003 che evidenzia una perdita netta di periodo pari a 12 milioni di euro e un patrimonio netto residuo pari a 3,4 milioni di euro.
La notizia più importante, però arriva dalle banche. Secondo la società toscana è gia possibile registrare un primo riscontro formale positivo da parte di alcuni istituti di credito in merito alle proposte, elaborate con la consulenza dell'Advisor Franco Tatò & Partners, riguardanti il riposizionamento del debito e “finalizzate a migliorare nell'immediato la situazione economico-patrimoniale del Gruppo e a creare le condizioni per un superamento definitivo delle attuali difficoltà”.
Le proposte, già presentate alle Banche, prevedono la rinuncia agli interessi sul debito finanziario maturati nel 2003 e da maturare in parte del 2004, oltre che una nuova pianificazione delle rate di rimborso.
”L'advisor Franco Tatò & Partners - recita un comunicato della società - è inoltre impegnato a fianco del management di Tecnodiffusione Italia per mettere a punto un nuovo progetto di riorganizzazione e sviluppo volto ad assicurare nei prossimi anni un rafforzamento del posizionamento competitivo del Gruppo e della sua performance economico-finanziaria. Condizione essenziale per l'attuazione di tali strategie è un progetto di rafforzamento patrimoniale, che verrà presentato alle banche all'inizio del 2004”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here