Pirateria, l’Italia rischia grosso

Il fenomeno, ancora ampiamente diffuso in casa nostra, potrebbe costarci l’inclusione nell’Elenco Speciale 301, la lista stilata dal Governo Usa che raccoglie tutti i Paesi che non proteggono adeguatamente la proprietà intellettuale

L'Italia non tutela la proprietà intellettuale,
almeno non abbastanza. È il giudizio ricorrente di numerose associazioni di
difesa del copyright - raggruppate dall'International Intellectual Property
Alliance - che, non a caso, hanno suggerito l'inserimento del nostro Paese
nell'Elenco Speciale 301, la lista stilata dal Governo statunitense che
raccoglie tutti i Paesi che non proteggono adeguatamente la proprietà
intellettuale. Il problema è che tale inserimento potrebbe comportare l'adozione
di tutte quelle misure - comprese gravi sanzioni commerciali - necessarie a
costringere i Paesi 'pirata' ad adeguarsi agli standard internazionali.
A
quanto pare, all'Italia non è bastato il promulgamento della legge antipirateria
n°248 del 2000 per arginare i fenomeni di pirateria e adeguarsi agli standard
previsti dagli accordi TRIPs (Trade-Related Intellectual Property Rights) decisi
dal Wto, l'organizzazione mondiale del commercio. Come in Cina, Costa Rica,
Taiwan, Uruguay e Corea, anche nel nostro Paese stenta ad affermarsi una cultura
che garantisca adeguata protezione alla proprietà intellettuale, e ora, anche al
commercio digitale, che come obiettivo principale ha quello di combattere lo
scambio illegale di software attraverso Internet.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here