Philips ritorna all’utile

Primo trimestre in nero dopo quattro chiusi in rosso. Ma il mercato resta difficile

15 luglio 2003 Malgrado un mercato debole e un
significativo calo nelle vendite, dopo quattro trimestre consecutivi in perdita,
Philips è riuscita a ritornare all'utile, segno che le
politiche di riduzione dei costi hanno dato qualche risultato.
Nel secondo
trimestre di esercizio, la società ha registrato vendite in calo di un quinto a
6,53 miliardi di euro e un utile netto di 42
milioni
, in netto recupero rispetto alla perdita di 1,36 miliardi
registrat nel pari periodo del precedente esercizio.
Tutto questo, superando
le previsioni degli analisti, che avevano ipotizzato per il gigante olandese una
perdita di circa 86,5 milioni.
Gli obiettivi fissati dal Ceo della società
Gerard Kleisterlee sono a dir poco ambiziosi: un risparmio di 1 milirdo di euero
entro il 2004 e ritorno alla profittabilità per la divisione semiconduttori
entro il quarto trimestre di esercizio. Tutto questo con un prezzo piuttosto
salato: taglio di un quinto della forza lavoro, trasferimento delle attività di
produzione in Paesi nei quali il costo della forza lavoro è decisamente ridotto,
massimo controllo della spesa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome