Perdita dei dati? La causa principale è l’errore umano

L’opinione di Kroll Ontrack che attribuisce questo trend a sistemi di storage più complessi e alla scarsità di risorse per sostituire i dispositivi e formare il personale IT

La perdita dei dati nelle imprese è sempre più causata da errori umani. E' quanto sostiene Kroll Ontrack che attribuisce questo trend a sistemi di storage più complessi e alla scarsità di risorse per sostituire le apparecchiature, formare il personale IT e disporre di uno staff adeguato (tutto questo figlio di investimenti IT rivisti al ribasso).

Difatti, nonostante sistemi come la virtualizzazione e il cloud computing permettano l’ottimizzazione dello storage aziendale, alla base di queste soluzioni ci sono sempre e comunque processi umani. E la complessità di questi sistemi spesso richiede - secondo Kroll Ontrack - un forte sforzo iniziale per l’apprendimento del corretto funzionamento ma, con la riduzione della spesa IT diminuisce il tempo che può essere dedicato alla formazione e di consefyuenza aumenta l’incidenza dell’errore umano.

In particolare gli errori più comunemente riscontrati in azienda da parte di Kroll Ontrack sono i seguenti:

  • Estrazione del drive sbagliato. Cercando di sostituire il disco difettoso in un sistema RAID, viene accidentalmente rimosso un disco funzionante.
  • Riformattazione di un disco. Durante la migrazione di un server, viene riformattata la LUN (numero di unità logica) errata di una SAN.
  • Ripristino di backup vecchi o danneggiati. Un database business-critical viene cancellato per errore e viene ripristinato, inconsapevolmente, con un backup danneggiato o incompleto.
  • Ricostruzione errata di un RAID. In caso di ripetuti guasti ai drive di un sistema RAID, nel tentativo di riportare online i dischi danneggiati e di ricostruire la configurazione si danneggiano o corrompono i dati del sistema.
  • Cancellazione dei dati. File, volumi, macchine virtuali o LUN di SAN possono essere cancellati per sbaglio senza che vi sia un backup o che sia vecchio o danneggiato
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here