Per il 3G, Cingular punta su Nokia, Ericsson e Siemens

Il secondo carrier di telefonia mobile statunitense ha in preventivo una spesa di 3 miliardi di dollari per effettuare la transizione dal Tdma verso l’Umts

È un periodo in cui Cingular, il secondo carrier statunitense per la
telefonia cellulare, è davvero molto attivo. L'azienda sta infatti preparando il
proprio ingresso nel mondo delle reti 3G e quindi si sta muovendo al fine di
dotarsi dell'infrastruttura necessaria per poter offrire i servizi promessi
dall'Umts. Nel tragitto che la porterà dal Gsm al Gprs e quindi all'Edge,
Cingular ha deciso di puntare su partner del calibro di Nokia, Ericsson e
Siemens, con l'aiuto dei quali intende poter arrivare a proporre network,
servizi e terminali.


Più in dettaglio, Cingular ha messo in preventivo una spesa di 3 miliardi di
dollari per aggiornare le proprie reti. Un terzo di questa cifra dovrebbe essere
appannaggio di Nokia, mentre nessun dettaglio è ancora stato reso noto circa
l'ammontare degli investimenti nei confronti di Ericsson e Siemens.


La società finlandese ha già anticipato che fornirà a Cingular le
apparecchiature da impiegare nell'implementazione prima della rete Gsm e poi
Edge. Il contratto prevede che Nokia sia il provider della tecnologia per un
servizio mobile dual band (con frequenze di 850 e 1900 MHz) che sarà realizzato
tramite l'impiego di stazioni UltraSite triple-mode (Gsm/Edge/Wideband Code
Division Multiple Access), di piattaforme di switching Dx200 e nuovi prodotti
per la gestione dei pacchetti di dati nelle reti Gprs.


Cingular ritiene di poter convertire al Gsm circa il 50% della propria rete
attuale entro la fine del prossimo anno, mentre dovrebbe rendere disponibile in
tutti gli Stati Uniti un servizio Gprs nel 2004.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here