Nascono i mattoni in vetro con i pannelli solari dentro

I pannelli solari sono una soluzione ormai relativamente comoda e comunque apprezzata per generare energia elettrica e rendere più ecosostenibili singole abitazioni e interi edifici.

Ma hanno due limiti dai quali non riescono a liberarsi: l'installazione non è semplice ed esteticamente lasciano molto a desiderare. Ora però arriva dall'Università di Exeter una soluzione alternativa che cerca di risolvere entrambi i problemi.

Il College of Engineering, Mathematics and Physical Science dell'ateneo inglese ha sviluppato un prodotto modulare che ha battezzato Solar Squared.

Non si tratta di pannelli solari convenzionali ma di blocchi di vetro che integrano alcune celle fotovoltaiche. I blocchi "solari" sono realizzati come i mattoni in vetrocemento che vengono comunemente usati nelle costruzioni, per assemblare facciate di edifici o muri divisori.

Questa scelta progettuale, portata aventi anche grazie alla collaborazione con aziende che già producono mattoni in vetro per costruzioni, fa sì che i pannelli solari "cubici" diventino parte integrante delle strutture di un edificio e non un'aggiunta più o meno evidente.

Con oltretutto un impatto estetico minimo e anche, secondo i progettisti, con costi complessivamente inferiori ai progetti tradizionali.

I blocchi Solar Squared comprendono una matrice di elementi ottici che concentrano la luce solare incidente su alcune piccole celle fotovoltaiche.

Grazie alla diffusione della luce all'interno del mattone, le celle raccolgono una grande quantità di luce anche se i mattoni sono posti verticalmente. Anche questo dettaglio rende la nuova soluzione di più semplice utilizzo rispetto ai pannelli solari, che invece devono essere quasi orizzontali e occupano per questo molto più spazio.

I ricercatori dell'Università di Exeter considerano che Solar Squared sia una soluzione già convincente dal punto di vista tecnico, serve però che gli utenti potenziali - specie progettisti e architetti - ne conoscano le potenzialità e questo non è scontato. I blocchi fotovoltaici saranno quindi brevettati e inseriti nei database delle principali applicazioni BIM.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here