Overland Storage ha il Nas per i Big data

Overland Storage, società controllata da Sphere 3D, ha presentato Neo Agility, appliance di archiviazione che sfrutta la tecnologia Linear tape file system e il formato Tape archive per semplificare lo storage e il recupero dei Big data.
Pensata per grandi aziende attive nei settori sanità, videosorveglianza, editoria e intrattenimento, il nuovo elemento della famiglia Neo Series offre accesso ai file tramite “drag and drop”, fino a 15 petabyte di capienza di storage online e una capienza offline illimitata. Il tutto beneficiando di un sistema per la visualizzazione dei file semplice da utilizzare e di uno storage che, basato su nastro, promette economicità e affidabilità su grandi quantità di dati.

Compatibile con una vasta gamma di modelli di librerie a nastro proposte anche da altri produttori, Neo Agility, già disponibile a un prezzo medio suggerito al pubblico che parte da 26.500 euro, apre le porte ai partner di canale che rientrano nel programma FastTrack di Overland e sono interessati a offrire una risposta concreta al crescente aumento della dimensione dei file e della domanda di capienza per supportare l’upload e il download di flussi di immagini e video espressi in terabyte.

100 videodischi in una sola cartuccia a nastro Lto

Stando a quanto riportato in una nota ufficiale, per l’archiviazione video l’appliance può, infatti, memorizzare fino a cinque terabyte di nuovi video al giorno o ripristinare fino a 20TB di materiale video, “ma con costi per terabyte decisamente inferiori rispetto a quelli di sistemi basati su file standard privi di componente Ltfs”. E per contestualizzare meglio il rapporto costo/efficienza dei tipici file di post-produzione video, la società fa sapere che Neo Agility permette di memorizzare l’equivalente di 100 videodischi in una sola cartuccia a nastro Lto.
Non solo.
Integrandosi con le applicazioni basate su file già utilizzate dagli utenti, Neo Agility non richiede né la complessa aggiunta di metadati, né modifiche ai file che possono essere archiviati, ripristinati e condivisi tra utenti e luoghi diversi al costo più basso possibile per lo storage dei dati a lungo termine.

Evitare formati proprietari

Studiata per offrire supporto sia allo standard Ltfs, sia a quello Tar, l’ultima appliance di archiviazione della famiglia Neo consente di presentare i file in cartelle standard, che possono essere spostate da o verso l’archivio utilizzando indifferentemente il protocollo di rete Windows o il trasferimento file Ftp.
Diventa così possibile per gli utenti prevenire “vendor lock-in”, evitando formati proprietari attraverso una soluzione che offre supporto anche per le cartucce Worm e consente agli amministratori di sistema di impostate policy su misura, in base alla tipologia di file e cartelle.
Elementi, quest’ultimi, particolarmente utili nella memorizzazione e archiviazione dei dati in ambito sanitario se è vero, come stimato da Frost & Sullivan, che nei soli Stati Uniti, entro la fine del 2016, si supereranno i mille petabyte annui di dati costituiti da immagini mediche pari, approssimativamente, a 600 milioni di operazioni di diagnostica per immagini all’anno.

LASCIA UN COMMENTO