Outsourcing selettivo per fruire di servizi in base alla necessità

Secondo le analisi di Idc, per risultare maggiormente innovativi, e quindi più competitivi, bisogna modificare la governance dell’It, liberando così risorse da dedicare a nuovi progetti. Questo, in pratica, si può tradurre nell’esternalizzazione di alcune attività aziendali.

In Italia la spesa It è solitamente ripartita per il 95% nella gestione e nell’aggiornamento del parco esistente e per il 5% nello sviluppo di nuovi progetti. Questo dato, come sottolinea Idc nella persona del research director Roberto Mastropasqua, "evidenzia una troppo limitata attenzione alle nuove iniziative e un eccessivo focus sulle applicazioni e sulle infrastrutture già possedute". In pratica, si tende a creare un circolo vizioso da cui è difficile uscire: la spesa It è sempre più ridotta, non si liberano risorse per le nuove iniziative e, quindi, non si riesce a essere innovativi.


Per ottenere risultati superiori e aumentare il livello di competitività di un’azienda, Idc suggerisce di avviare nuove strategie. Ma non è necessario puntare su chissà quali concetti astratti: basta affrontare il problema della governance con un nuovo approccio. Partendo dal principio fondamentale, ribadito dal manager, che "spendere in Ict non è un optional ma un aspetto essenziale del business", alle imprese che desiderano migliorare l’attuale situazione, Idc consiglia di investire di più e, soprattutto, meglio. Un aspetto importante è quello di cercare di capire, nel modo più dettagliato possibile, "cosa attualmente le nuove tecnologie possono offrire e fino a che punto può essere utile avvalersi di nuovi servizi", spiega Mastropasqua.


Un fatto indiscusso è che se si intendono liberare risorse interne per avviare nuovi progetti è necessario modificare la governance del dipartimento It. D’altro canto, per sfruttare al massimo le nuove tecnologie è necessario avere le competenze adeguate, non sempre facilmente reperibili in azienda se non si è impostato un preciso e costante programma di aggiornamento. A questo punto, la soluzione migliore è quella di puntare sull’esternalizzazione.


Di frequente, c’è una certa ritrosia nel dare in outsoUrcing alcune delle proprie attività; in parte questo atteggiamento dipende da un retaggio passato, che vuole che l’esternalizzazione crei una netta divisione tra il lavoro svolto "in casa" e quello "fuori casa". Oggi, però, non esiste più una separazione così marcata.


Sino a qualche tempo fa si tendeva a operare per compartimenti stagni, che raramente dialogavano tra loro. Ora la modalità operativa è evoluta nella direzione di una gestione più dinamica dell’It, in cui le risorse sono condivise. Si è affermato un nuovo modello di business, una filosofia che ha visto i provider passare da un’offerta monolitica a una integrata. Sta prendendo sempre più piede il concetto di utility-on-demand e di outsourcing selettivo, ovvero della possibilità di richiedere i servizi a chi meglio sa soddisfare i bisogni aziendali (e quindi non necessariamente a un solo fornitore) e quando se ne ha realmente la necessità.


In questo senso, un esempio è rappresentato dalla posta elettronica, tra le attività che sempre più spesso si tende a dare in outsourcing: si parla non solo della gestione della messaggistica in quanto tale, ma anche del problema della sicurezza, ovvero maneggiare e mantenere sempre aggiornati antivirus o firewall.


Peraltro quello della sicurezza, intesa come gestione dei dati in generale, è uno dei problemi maggiormente sentiti all’interno delle imprese, nei confronti del quale spesso le società mostrano una serie di inefficienze. E questo, secondo quanto ha rilevato Idc, principalmente per mancanza di tempo o di risorse da dedicare e per una scarsa cultura aziendale. Va da sé che l’offerta di un outsourcer potrebbe essere un’ottima soluzione al problema.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here