Ontenna, un wearable per sentire i suoni con le vibrazioni

Ontenna arriva dal Giappone, grazie a un progetto di ricerca universitario traghettato poi in Fujitsu, un dispositivo wearable per far percepire i suoni a chi non li può sentire normalmente con l’udito, quindi persone affette da sordità o con una forte diminuzione della sensibilità auditiva.

Battezzato Ontenna, ha la particolarità di essere pensato per essere indossato come un fermacapelli. Durante i test i ricercatori hanno infatti stabilito che averlo in mano era troppo fastidioso e attaccarlo agli abiti non faceva percepire bene i “suoni”.

Il concetto di base di Ontenna è semplice.

Un microfono integrato cattura i rumori dell’ambiente che si trovano nel range 30-90 dB e li converte in segnali elettrici che attivano un piccolo motore interno e una sorgente luminosa integrata.

La particolarità del wearable sta nella capacità di convertire la pressione sonora in 256 livelli diversi di vibrazioni e intensità luminosa, con l’obiettivo di rendere ogni rumore o suono in maniera distinta.

L’idea è quella di rendere il ritmo, i pattern e l’intensità dei suoni, permettendo a chi indossa Ontenna di percepire nettamente la differenza tra, ad esempio, il ritmo di un brano musicale e il rumore dell’acqua che bolle.

I prototipi di Ontenna hanno dimostrato l’utilità del wearable e Fujitsu conta di iniziarne una prima diffusione controllata. Dovrebbe essere prodotto circa un migliaio di device che saranno distribuiti a un gruppo di utenti che farà in sostanza da progetto trial esteso. Il trial comprenderà due versioni del wearable: uno dotato di Bluetooth che si collega a un’app mobile e uno autonomo, che non prevede app.

I progettisti di Ontenna stanno comunque già guardando avanti. Tra i loro progetti di sviluppo c’è l’idea di realizzare altri wearable con la stessa tecnologia ma progettati per essere indossati come orecchini - quindi molto più miniaturizzati - oppure come collane. Dal punto di vista tecnologico, invece, l’ambizione è quella di riuscire a rendere non solo l’andamento e l’intensità dei suoni ma anche la loro tonalità e il loro timbro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here