Office365: il cloud anche con i partner

Sono oltre 600 i partner di canale che sono stati formati e ingaggiati su questa linea di prodotti e sono oltre 77 mila le postazioni servite attraverso questi operatori

Con Office365 da Microsoft arriva anche una risposta al mondo del canale indiretto che ancora vivono il Cloud come un fattore di rischio o come una
minaccia. Con oltre 600 partner ingaggiati e formati su questa nuova
piattaforma di servizi e con un numero di postazioni attivate che già nel giorno
del lancio ufficiale superava le 77.000 unità la società intende confermare un
modello di vendita che affida al canale indiretto un ruolo strategico.

“Il Cloud per noi è una straordinaria opportunità da
cogliere insieme ai partner di canale - spiega Fabrizio Albergati, responsabile
divisione Information Workers
di Microsoft Italia - e Office365 è in questo momento un esempio
assolutamente significativo anche per la preparazione e la strategia che è
stata avviata proprio per i partner e per il ruolo che stanno svolgendo”.

Il tema centrale è quello della certificazione espressamente
dedicata al mondo Cloud e in particolare ai servizi e alle attività di supporto
collegate a Office365 con una particolare attenzione agli aspetti connessi
alla organizzazione del lavoro, ai flussi operativi, alla formazione delle
persone e dei team intesi come componenti abilitanti per le imprese che scelgono di
adottare questa nuova soluzione Office in chiave Cloud”.

E il ruolo dei partner è strategico nella misura in cui la
scelta di questa piattaforma presso le imprese premia in modo particolare la
capacità di offrire supporto e di indirizzare il personale e i team verso nuovi
modelli organizzativi. In questo senso è centrale il ruolo della grande impegno della società sul profilo della formazione e le garanzie che arrivano dai percorsi di certificazione dei
partner. Così come grande importanza riveste il tema della diffusione della cultura Cloud presso le imprese attraverso i partner con il supporto di eventi, anche logisticamente vicini alle imprese e con operazioni di sales e marketing specifiche.

Albergati precisa come il modello di ingaggio dei partner
preveda delle nuove forme di remunerazione con una scansione temporale che
premia ovviamente lo startup dei
nuovi progetti, con il riconoscimento di una percentuale del 12% sul primo anno di attivazione che si riduce nella fase del
rinnovo negli anni successivi al 6%. “Ma con Office365 così come con
altre soluzioni Cloud - osserva Albergati - la sfida riguarda anche lo sviluppo
di nuovi progetti e dunque la capacità di spingere il profilo di
offerta sulle soluzioni, ovviamente su base Cloud, realizzabili
utilizzando i servizi di Office365 come componenti del profilo progettuale
personalizzabile su ciascun cliente in funzione dei propri obiettivi e delle
proprie specifiche competenze. Di fatto costruendo un percorso di business basato su attivazione, servizi di configurazione, percorsi formativi, supporto organizzativo”.

In termini di potenzialità di mercato Albergati vede un mondo enterprise già avviato con una ricca serie di progetti e vede soprattutto una straordinaria potenzialità nel mondo delle piccole medie imprese. "Nell'ambito
enterprise sono stati avviati importanti progetti e questo mondo dìmostra di essere
preparato dal punto di vista organizzativo, sia per scegliere queste soluzioni
sia per gestire i necessari piani di implementazione e di definizione di nuovi
processi. Ma la grande sfida è soprattutto nelle Pmi e riguarda soprattutto i Partner. Per le imprese di piccole dimensioni i vantaggi in termini di
abilitazione dei servizi, di configurazione degli stessi sulle più specifiche
esigenze e di rigoroso controllo dei costi diretti e indiretti, rappresentano
una nuova chiave di accesso per attivare o riattivare processi di innovazione
It". In questi casi il Cloud può garantire agli imprenditori il miglior controllo dei costi indiretti e in particolare delle voci collegate alla creazione e alla gestione di strutture it.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here