Perché c’è Nvidia al volante della guida autonoma

Nvidia è al centro di diverse iniziative legate alla guida autonoma, sia per le automobili sia per i veicoli commerciali, attraverso partnership ad ampio spettro.

Una è stata definita con ZF ed Hella per la certificazione delle caratteristiche di sicurezza Ncap dei veicoli a guida autonoma. La collaborazione è incentrata sull’utilizzo delle tecnologie di intelligenza artificiale Nvidia, combinata a quelle dei due partner, per arrivare a un sistema di guida totalmente autonomo ma anche particolarmente sicuro, basato su telecamere e sensori radar.

La collaborazione tra Nvidia, ZF ed Hella riguarda in primo piano le automobili, nelle intenzioni avrà però anche ricadute positive per i veicoli commerciali e per applicazioni su strade che non siano necessariamente solo quelle a grande scorrimento, delle quali esistono mappe ben precise che vengono usate dai sistemi di guida. L’obiettivo finale è realizzare un sistema hardware e software completo, pronto per la produzione commerciale.

Nvidia ha anche definito una collaborazione con Volvo, sempre incentrata sull’applicazione dell’intelligenza artificiale per la guida autonoma. Anche in questo casi gli elementi tecnologici di partenza sono infatti quelli della piattaforma Nvidia Drive PX, già usata da Tesla e in fase di adozione per Audi e Toyota.

Drive PX sarà la base per realizzare un sistema di guida autonoma che potrebbe arrivare sul mercato già nel 2021. A svilupparlo concretamente sarà Zenuity, una nuova società creata pariteticamente da Volvo e Autoliv, specializzata quest’ultima nei sistemi per la sicurezza delle automobili. Le tecnologie di deep learning di Nvdia – si spiega – serviranno per il riconoscimento degli oggetti sul percorso dei veicoli e per la previsione di eventuali pericoli.

Il frutto di questi sviluppi non sarà limitato a Volvo. La casa svedese utilizzerà direttamente la piattaforma creata da Zenuity ma potranno farlo anche altre case automobilistiche od operatori OEM, acquistandola da Autoliv.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome