Nintendo abbandona i processori Mips

Il principale cliente dei processori Mips ha deciso di cambiare fornitore. Nintendo, infatti, infastidita e preoccupata dell’intenzione di Silicon Graphics di rendere la libertà a Mips (il produttore di chip era stato acquistato dal noto costrut …

Il principale cliente dei processori Mips ha deciso di cambiare fornitore.
Nintendo, infatti, infastidita e preoccupata dell'intenzione di Silicon
Graphics di rendere la libertà a Mips (il produttore di chip era stato
acquistato dal noto costruttore di workstation grafiche), ha compiuto il
grande passo e ha scelto di abbandonare tali processori a favore di quelli
prodotti da Artx.
Quest'ultima ha dunque messo a segno un duplice colpo, visto che Sgi ha
contemporaneamente lasciato cadere la causa che aveva intentato nei suoi
confronti. Artx è stata fondata da ingegneri fuoriusciti da Sgi (che, tra
l'altro, avevano proprio lavorato sul progetto Nintendo). Ma Sgi non ha
fornito alcuna ragione di questa marcia indietro.
I diritti sulla tecnologia ceduta a Nintendo continueranno a fruttare
liquidi per Sgi ancora per tre o quattro anni, ma quando la prossima
versione della console sarà rilasciato il declino di tali ricavi sarà mo
lto
rapido.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here