NetApp: vietato saltare gli step nel percorso cloud

A meno di essere una start up. La gestione dell’It come servizio impone razionalizzazione e consolidamento. Ovviamente anche dello storage. Ne parliamo con Antonio Lupo.

I datacenter in target per NetApp sono tutti quelli di chi hanno deciso di utilizzare uno storage esterno al server. La definizione è di Antonio Lupo, direttore marketing di NetApp Italia, che specifica: «una soluzione che, rispetto al disco interno, porta una serie di vantaggi in termini di affidabilità, scalabilità e gestione centralizzata. Ovviamente ci sono poi i data center con migliaia di server e con centinaia di Tb, ma questi sono poche decine nel nostro paese».

Quindi a chi si rivolge NetApp per parlare di datacenter?

In primis il mercato delle telecomunicazioni, con le sue molteplici sfaccettature, e i service provider che offrono servizi cloud. Costoro possono apprezzare e valorizzare al meglio le funzionalità avanzate dei nostri sistemi, che consentono una elevata efficienza operativa e gestionale, unita alla security multi tenancy, una funzionalità indispensabile per gli ambienti condivisi e cloud. Abbiamo comunque un'offerta granulare e soprattutto unified, multiprotocollo, che consente scalabilità sia alle Pmi che alle grandi aziende.

Oggi quali competenze professionali devono avere le aziende nel datacenter per fare private cloud?

Una doverosa premessa è indubbiamente la mappatura dei processi It, per poi pensare all'applicazione dei principi fondamentali del cloud. Dopo aver mappato i processi è importante ragionare su quattro direzioni: Service Catalog, Automation, Service Analytics e Self Service. Con le nostre soluzioni software OnCommand facciamo gestire al meglio queste quattro componenti, gestendo l'It come un vero servizio.

Qual é la tecnologia o la soluzione su cui il responsabile del datacenter deve pensare a investire nel breve periodo?

Il passaggio al cloud è un percorso e ogni azienda non può pensare di saltare alcuni step, a meno che non sia una start up. La maggior parte delle aziende ha ancora i silos applicativi con infrastruttura storage e server dedicata, e in tal caso la virtualizzazione dei server e dello storage è sicuramente il primo passo. Con la consolidation, poi, si può pensare a proseguire con il cloud.

Si può abbinare al datacenter una misurazione di Roi?

Si deve poter misurare il ritorno degli investimenti, la riduzione dei budget It è un dato di fatto e i Cio chiedono sempre di più di investire in maniera chirurgica sulle iniziative che più si avvicinano a supportare il business aziendale, quindi il Roi è fondamentale. NetApp a questo avviso ha avviato una nuova business unit NetApp Capital Solution che supporta i clienti nella misurazione del Roi e per identificare il modello di investimento più coerente con la situazione finanziaria del cliente eventualmente anche supportandolo con un modello di Storage on demand.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here