MWC 2018, tutto il mondo è in attesa del 5G

Questa volta il Mobile World Congress di Barcellona non ha aperto i battenti sotto i migliori auspici: Gartner infatti ha pubblicato i dati del mercato degli smartphone relativi al quarto trimestre 2017, che indicano una contrazione del 5,6% delle vendite.

Si parla di 408 milioni di unità contro le 432.000 di un anno fa. Si tratta del primo calo su base annua da quando Gartner ha iniziato a seguire il mercato globale degli smartphone nel 2004.

Mwc, poche novità dagli smartphone

"Due fattori principali hanno portato al calo nel quarto trimestre del 2017", ha dichiarato Anshul Gupta, direttore della ricerca di Gartner. "In primo luogo, gli aggiornamenti da feature phone a smartphone hanno subito un rallentamento a causa della mancanza di smartphone di qualità "ultra-basso costo" e gli utenti preferiscono acquistare feature phone i di qualità. In secondo luogo, gli utenti di smartphone sostitutivi stanno scegliendo modelli di qualità e mantenendoli più a lungo, allungando il ciclo di sostituzione degli smartphone. Inoltre, mentre la domanda di alta qualità, la connettività 4G e le migliori caratteristiche della fotocamera sono rimaste elevate, le aspettative elevate e i pochi vantaggi incrementali durante la sostituzione hanno indebolito le vendite di smartphone".

Ciò che Gupta dice è che il mercato è in via di saturazione e che mancano le vere novità. È come se lo smartphone come prodotto, in questo momento, non avesse più nulla da dire.

Perché i device in circolazione sono più o meno simili e le nuove funzionalità non valgono il cambio del modello. Un’impressione comune fra gli stand di Barcellona dove sembra si stia vivendo una fase di passaggio in attesa del debutto del 5G che potrebbe rivitalizzare il mercato.

Le nuove sfide del mercato

Eppure, prima di poter trasformare il tutto in oro l'industria deve affrontare una serie di nuove sfide sulla strada della gloria del 5G. Parlando in occasione di un evento stampa Intel domenica per discutere gli esperimenti 5G alle Olimpiadi invernali di quest' anno, il vice presidente esecutivo di KT (ex Korea Telecom) HongBeom Jeon ha detto che l'azienda è sempre più focalizzata su quello che persone e imprese possono fare con una quantità quasi insondabile di larghezza di banda mobile.

Il grande problema è se il 5G può fare soldi", ha detto. Non si tratta solo di problemi tecnici, ma di business. “Alle Olimpiadi, abbiamo dimostrato molte applicazioni interessanti. Ma non sappiamo quale sia la killer application del 5G".

Il malessere si estende oltre i gadget. Il fatturato annuo di Verizon nel 2017 era ancora al di sotto del picco massimo nel 2015, mentre AT&T ha riferito che il fatturato annuo nel 2017 è sceso rispetto al 2016. Intel e Samsung sono tornati alla crescita grazie alle vendite di chip più potenti, ma Qualcomm ha riferito tre anni di calo delle vendite. Nel frattempo Ericsson ha tagliato 10.000 posti di lavoro, mentre la rivale Nokia continua con migliaia di licenziamenti che facevano parte di un programma di risparmio dei costi da 1,3 miliardi di dollari annunciato un anno fa.

Stéphane Téral della società di ricerca IHS, ha dichiarato: "Questo settore ha un grande bisogno di 5G. Stanno cercando di rilanciare l'industria”.

AT&T, Verizon e Sprint hanno annunciato i lanci commerciali 5G negli Stati Uniti che vanno dalla fine del 2018 al 2019. China Mobile China e Ntt Docomo Giappone sono in procinto di lanciare nel 2020 la nuova tecnologia. Sul lato chip, Qualcomm si sta facendo aggressiva e firma accordi con 19 produttori di telefoni e 18 vettori.

Gran parte di questo sta accadendo ancora più velocemente di quanto molti operatori del settore avrebbero previsto un anno fa all'Mwc. Questo perché nel mese di dicembre, il gruppo industriale 3Gpp ha formalizzato la prima serie di standard per 5G sufficienti per permettere alle aziende hardware e chip di avviare i lavori. Infatti Huawei ha annunciato il primo chipset 5G disponibile in commercio. Una seconda serie di norme dovrebbe essere ultimata nel mese di giugno.

Con la nuova tecnologia però l’industria delle telecomunicazioni deve affrontare un grado di complessità senza precedenti per realizzare il pieno potenziale di 5G e renderlo un successo commerciale. Dove gli aggiornamenti passati riguardavano smartphone e tablet più veloci, 5G sarà guidato dallo sviluppo di migliaia e migliaia di dispositivi e endpoint che collegano le fabbriche, veicoli autoguidanti, campi di robot e servizi di realtà virtuale che non devono più essere collegati a un pc. E naturalmente tutti gli usi che nessuno ha ancora immaginato.

Invece, i rollout iniziali si concentrano su servizi più semplici, come la vendita di connessioni più veloci, sperando che siano sufficienti per giustificare le implementazioni. In alcuni casi, le aziende utilizzeranno 5G per vendere connessioni wireless fisse che sostituiscono connessioni via cavo o rete fissa, o per fornire la banda larga in luoghi in cui prima non riusciva a raggiungere.

Nei giorni scorsi, Samsung e Huawei hanno annunciato le apparecchiature locali per i clienti che avrebbero permesso a case e aziende di ricevere connessioni 5G. Huawei ha dichiarato che i suoi primi interventi commerciali avrebbero avuto luogo "in edifici e aree urbane densamente popolate".

Per gli esperti si tratta di un modo logico per avviare i rollout, ma c’è il pericolo che l’hype che si porta dietro la nuova tecnologia generi almeno nel primo periodo una delusione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here