Mondo video

Va di moda sbertucciare i manager su youtube


Al ceo di Sun, Jonathan Schwartz, hanno fatto un pesce d’aprile. Un fidato collaboratore gli ha fissato un pranzo di lavoro in un ristorante greco di Palo Alto con un tizio di Los Angeles. Questi, arrivato, ha simulato di aver avuto un incidente che gli impediva di parlare correttamente e si è prodotto in mimiche da Mr.Bean di fronte a uno Schwartz fra il sorpreso e il divertito. Dopodichè ha svelato il trucco e Schwartz si è fatto una grossa grassa risata. Uno scherzo innocente, di tenue goliardia, come quello che ha riempito le aiuole del quartier generale di Sun di delfini di plastica (il mammifero è nel logo di MySql, produttore di database opensource acquisito dalla società di Schwartz).


Lo scherzo è riportato da un video, su youtube. Non solo, Schwartz lo ha montato sul proprio blog (http://blogs.sun.com/jonathan). Chi avrà voglia di vederselo (lo consigliamo) noterà uno Schwartz mai scocciato o supponente, sempre disponibile verso il prossimo. Un bell’esempio di amministratore delegato, che prima di tutto è un uomo e sa concedere all’altro il beneficio del dubbio, dell’errore come fatto umano non negoziabile.


Negli ultimi giorni tutti hanno parlato e ironizzato su Web di un errore, quello di un dirigente Telecom che scambia Waterloo per Austerlitz. Per garantismo siamo portati a mettere la circolazione del documento sullo stesso piano di quella delle intercettazioni, per cui esprimiamo solidarietà umana alla persona. Commentiamo invece le dichiarazioni rese pubbliche volontariamente. Intervistato da La Stampa, alla voce stipendi ha espresso rammarico verso la situazione degli operatori del Crm, che ricevono solo mille euro al mese. Potrebbe, allora, adoperarsi con Franco Bernabé, che per sollevarlo dalla magra lo ha portato a cena, per patrocinare la loro causa: potrebbe, a propria volta, invitare a cena il suo Ad in un ristorante greco, con tanto di telecamere probatorie. Sarebbe una bella risposta.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here