Mobile Internet oggi, come i pc dieci anni fa

Secondo un’analisi di Forrester, l’utilizzo di Internet in mobilità ha oggi lo stesso livello di penetrazione di Internet su pc dieci anni fa.

Secondo una ricerca presentata in questi giorni da Forrester, entro la fine dell'anno la penetrazione del mobile Internet nei Paesi dell'Europa Occidentale dovrebbe raggiungere il 17%, vale a dire lo stesso tasso di penetrazione che i personal computer avevano una decina di anni fa.
All'epoca, precisa la società di ricerca, la penetrazione dei telefoni cellulari nella stessa regione non aveva ancora raggiunto il 40%.

A dieci anni di distanza, sostiene Forrester, siamo a un punto di svolta importante: si parla di raggiungimento di massa critica e di un circolo virtuoso pronto a partire.
Gli utenti trascorrono sempre più tempo su Internet navigando dai loro dispositivi mobili, mentre nel contempo cresce i numero dei servizi e dei contenuti disponibili, destinati ad attrarre un numero crescente di utilizzatori.

L'attuale clima economico, da un lato tende ad allungare i cicli di rinnovo dei dispositivi, forzando nel contempo la diffusione di offerte a basso costo.
Non è escluso che gli operatori tendano in questa fase a rallentare i progetti di sviluppo e implementazione delle reti di nuova generazione (4G e Lte in particolare), cercando piuttosto di attivare proposte e promozioni in grado di stimolare l'utilizzo di Internet su dispositivi mobili 3,5G. Per questo motivo, nell'arco dei prossimi cinque anni bisognerà attendersi uno sviluppo di tariffazioni flat in tutta Europa, così come già avvenuto per Internet su rete fissa.

Per restare in tema di numeri e percentuali, Forrester prevede che entro la fine del 2014 la penetrazione possa raggiungere il 39%, mantenendo una curva di crescita analoga a quanto già accaduto sul mercato pc.

Social computing, widget, per non parlare di pubblicità, di Seo, di targeting comportamentale o di content on demand saranno i driver di una crescita che verrà stimolata dall'arrivo di sempre nuovi protagonisti, destinati ad accelerarla come raramente si è visto in precedenza.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here