Milano Crea Impresa e ne fa 70

Primi bilanci a un anno dalla creazione del progetto incubatori per giovani e tecnologie. Che si prepara a sbarcare a New York.

In un paese come il nostro, dove il rapporto tra aziende, istituzioni e università è sempre stato a dir poco faticoso, il progetto Milano Crea Impresa è una di quelle iniziative che fanno sperare che qualcosa stia finalmente cambiando.
Un progetto voluto dall’Assessorato Innovazione, Ricerca e Capitale Umano del Comune di Milano (il primo comune in Italia a dotarsi di un assessorato dedicato all’innovazione), e coordinato dal centro per lo sviluppo imprenditoriale Alintec, società partecipata da Camera di Commercio, Assolombarda e Fondazione Politecnico.

L’obiettivo è quello di creare una rete di incubatori che supporti la nascita e lo sviluppo di idee imprenditoriali basate sui giovani e sulle tecnologie avanzate. La rete, partita nel gennaio del 2009 (info all’indirizzo www.reteincubatori.it) ad oggi è formata da cinque incubatori (ma presto se ne aggiungeranno altri), le cui aree di business e tecnologiche rispecchiano alcune eccellenze del territorio milanese: alimentazione e gusto (non tutti sanno che il milanese ha un elevato numero di aziende agricole..), biotecnologie (il 40% delle aziende di questo settore opera a Milano), energia, Ict, moda.

La rete offre ai giovani imprenditori un supporto molto concreto, dall’analisi dell’idea della fattibilità, alla consulenza gestionale, finanziaria e brevettale, dai servizi di marketing, alla internazionalizzazione, alla dotazione di spazi fisici (uffici, laboratori, ..).
Tutto questo parte da un dato di fatto: i giovani che affrontano l’avventura il più delle volte hanno grandi conoscenze tecnologiche, ma si perdono se devono affrontare problemi di natura finanziaria e manageriale.

La rete colma anche questa lacuna, grazie all’affiancamento di tutor.
Coinvolti anche venture capitalist e business angels che hanno la possibilità di valutare le start up high tech e investire di conseguenza.
Anche da questo punto di vista, il progetto procede bene: diverse aziende hanno avviato l’attività grazie al contributo iniziale elargito dal Comune di Milano, in seguito hanno potuto contare su consistenti finanziamenti da parte di società di investimento, e hanno cominciato a percorrere una strada autonoma dal punto di vista economico.

I numeri sono lusinghieri: le start up che hanno aderito sono più di 70, per un fatturato di 25 milioni di euro, più di 300 addetti, 4000 mq di uffici e 9000 per laboratori e spazi comuni. In tutti, dicono quelli di Alitec, c’è la consapevolezza del “quanto è dura, ma ce la posso fare”.

Come testimoniano i dati della Silicon Valley, dove di cento start up una sola riesce ad affermarsi sul mercato, poche vengono vendute, le altre muoiono. Iniziative come la rete degli incubatori contribuiscono anche a superare ostacoli culturali duri a morire in Italia, secondo cui non possiamo che essere quelli che sul web offrono prodotti tipici alimentari, e condannati al nanismo e al mercato locale.

Tra i giovani imprenditori, al contrario, è fortissima la predisposizione all’internazionalizzazione, che parte da forti convincimenti culturali (questa è la generazione digitale nativa..) e da considerazioni di fatto (il mercato italiano è troppo piccolo).

Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha confermato l’impegno del Comune a supportare il progetto, ha ricordato che il comune ha stanziato sei milioni di euro per le start up high tech, (“non pochi per un ente locale, e comunque in linea con i dispositivi previsti dal Trattato di Lisbona”) e che lo sforzo va nella direzione dei settori indicati sopra e nella green economy, ha annunciato che Milano Crea Impresa sarà presentato in un road show internazionale che partirà in maggio da New York.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here