Microsoft educa alla legalità

Niente gogna per i dealer “copioni”, ma un programma di rieducazione al software legale. Raddoppiati i controlli

Farseli amici, più che combatterli. Microsoft cambia strategia in ambito pirateria e punta a una linea di “rieducazione”, più che punitiva, nei confronti dei dealer colti in flagranza di reato dai propri mistery shopper.
«Il fenomeno della pirateria informatica si sta progressivamente aggravando - commenta Annamaria Venezia, responsabile license compliance di Microsoft Italia -, in maniera particolare in Italia, dove dati Idc e Bsa riferiti al 2004 riferiscono un passaggio dal 49 al 50% in un anno, in controtendenza rispetto alla media europea, che scende dal 37 al 35%. Un comportamento che oltre a penalizzare in maniera diretta i produttori, ha anche un forte impatto sociale ed economico, visto che, sempre Idc e Bsa, calcolano che una riduzione anche solo del 10% dell'attuale tasso di pirateria permetterebbe di creare in Italia ben 15mila posti di lavoro, 8 miliardi e mezzo di dollari in termini di crescita economica e un gettito fiscale di oltre 2,4 miliardi di dollari».

Ma la cultura della copia è difficile da sradicare, e gli stessi partner stanno incominciando a chiedere supporto a Microsoft per invertire tale tendenza, come elemento distintivo rispetto alla concorrenza sleale. Ma anche i clienti si stanno via via sensibilizzando, e chiedono tutela per evitare di incappare nella pirateria inconsapevole, conoscere le regole del licensing e poter verificare che le offerte e le installazioni siano a norma di legge.
Il lavoro sul canale, intanto, prosegue attraverso i mistery shopper, l'esercito di investigatori che si fingono acquirenti per smascherare i dealer “furbetti”:
«Fino ad ora la campagna di mistery shopping era a fini statistici, e agiva per regioni - riprende Annamaria Venezia - ora vogliamo battere a tappeto tutto il territorio, ed entro giugno 2006 contiamo di raddoppiare il numero degli investigatori e dei controlli. Ma ora con un approccio diverso che in passato. Prima il mistery shopper riportava a Microsoft i risultati dell'indagine sul punto vendita, ora, invece, al termine del controllo, si rivela al dealer, proponendosi per capire le problematiche e spiegargli le modalità e le opportunità del rientro nella legalità».
Niente più pubblicità di navi affondate o di mele bacate quindi, ma un intento di rieducazione che non prevede la gogna, ma il supporto.
Supporto che sarà affiancato da una campagna in cui, attraverso promoter e telesales, verrà incentivato il business pulito. Ma uomo avvisato, mezzo salvato: «Ovviamente, se a un ulteriore controllo del punto vendita il dealer dovesse risultare recidivo, Microsoft si riserverà di agire in maniera… più “efficace”».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here