Microsoft e il tesoro nascosto di Android

Il business legato Android sarebbe per Microsoft ancor più lucrativo rispetto a quello derivante dalla commercializzazione delle licenze Windows Phone 7. E nel mirino potrebbe esserci Samsung.

Microsoft potrebbe esigere da Samsung un importo compreso tra 10 e 15 dollari per ogni dispositivo Android messo in commercio. Dopo aver siglato un importantissimo accordo con il produttore taiwanese Htc, il colosso di Redmond avrebbe iniziato a porre nel mirino Samsung. Per mettersi al riparto da contestazioni in tema di violazione di brevetti detenuti da Microsoft, Htc si è infatti già accordata con Microsoft ottenendo il via libera per la produzione e la vendita di device a cuore Android.
Secondo le stime elaborate da un analista di Citigroup, il business legato Android sarebbe per Microsoft ancor più lucrativo, almeno per il momento, rispetto a quello derivante dalla commercializzazione delle licenze Windows Phone 7. Stando ai numeri elaborati dagli analisti, l'azienda guidata da Steve Ballmer avrebbe rimpinguato le proprie casse con una somma pari, addirittura, a 150 milioni di dollari. Tale importo deriverebbe dagli "oboli" versati a Microsoft sotto forma di royalty.

Samsung è riuscita a vendere, in appena sette mesi, oltre 10 milioni di Galaxy S e 3 milioni di Galaxy S 2 in meno di un bimestre. Stando alle valutazioni degli analisti, la società coreana potrebbe aver venduto, complessivamente, 19 milioni di smartphone Android soltanto nel trimestre aprile-giugno e presto potrebbe diventare il primo produttore al mondo sopravanzando Nokia.
Cifre da capogiro che, secondo l'agenzia di stampa Reuters - citando fonti non ben identificate - potrebbero aver indotto i vertici di Microsoft a bussare alle porte di casa Samsung.

Proprio nelle scorse ore Microsoft aveva annunciato di aver raggiunto un altro accordo in materia di proprietà intellettuale relativamente a device basati sul sistema operativo Android: la taiwanese Wistron Corporation ha accettato l'intesa con il gigante di Redmond per ciò che concerne la produzione di tablet, smartphone ed e-readers.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here