Micro Focus protagonista nella Enterprise Security

Il merge con HPE Software Business, conclusosi nel 2017, ha reso Micro Focus una delle più grandi aziende di software del mondo, con un fatturato di oltre 4 miliardi di dollari e il tema della Enterprise Security è centrale nella proposizione strategica della “nuova” micro Focus e non è difficile comprenderne le ragioni.

Secondo le stime di CSO Online (Top 5 cybersecurity facts, figures and statistics for 2018) entro il 2021 il costo globale annuo per i danni da criminalità informatica arriverà a 6mila miliardi dollari e, di conseguenza, la spesa globale per prodotti e servizi di cyber security nel quinquennio 2017-2021 si prevede che supererà mille miliardi di dollari.

Si tratta di un business enorme e in costante crescita, che offre a Micro Focus l’opportunità di capitalizzare sull’ampio portfolio di soluzioni provenienti da HPE Software e di sfruttare le sinergie con le altre sue applicazioni.

Una sicurezza multidimensionale per affrontare le sfide della Enterprise Security

L’obiettivo del vendor è fornire soluzioni di livello enterprise in aree chiave quali: DevOps, Hybrid IT, Security & Risk Management e Predictive Analytics.
“I problemi che affliggono i CISO - sottolinea Pierpaolo Alì, Director Southern Europe di Micro Focus Security - sono l’aumento esponenziale delle minacce, il sovraccarico di dati, le nuove normative sempre più stringenti come il GDPR e la crescente complessità di gestione delle infrastrutture. Per affrontare queste sfide è necessario anticipare le mosse del cyber crimine e intervenire su tre dimensioni”.

La prima dimensione di cui parla Micro Focus è quella degli utenti, che devono essere garantiti nell’uso delle infrastrutture, dei dispositivi mobili e nelle modalità di accesso.
La seconda riguarda la sicurezza applicativa e la riduzione della superficie di attacco.
La terza dimensione è quella dei dati che vanno protetti in ogni fase del loro ciclo di vita, sia a riposo sia in movimento.

Trascurare uno solo di questi aspetti - sostiene Alì - significa perdere la partita a scacchi con il cyber crimine. Per queste ragioni Micro Focus ha predisposto una piattaforma integrata, che consente di affrontare le sfide dell’Enterprise Security che si presentano a livello degli utenti, delle applicazioni e dei dati. Un approccio che si differenzia da chi propone soluzioni best of breed focalizzate, tipicamente, su un singolo aspetto”.

 

Pierpaolo Alì, Director Southern Europe di Micro Focus Security

Un’offerta integrata di Enterprise Security

Le soluzioni Micro Focus per l’Enterprise Security sono organizzate in famiglie di prodotti che possono essere utilizzati in modalità standalone, ma che forniscono i migliori risultati quando operano in modo integrato, utilizzabili sia on-premises sia all’interno di ambienti IT ibridi, gestibili dalla divisione IT oppure da un Security Operations Center.

L’offerta comprende le soluzioni ArcSight di intelligent e predictive security, la gamma Fortify indirizzata in modo specifico alla sicurezza delle applicazioni, le soluzioni SecureData Voltage che forniscono innovative tecnologie di cifratura che seguono il dato nel loro ciclo di vita.
Il tutto inquadrato all’interno di un modello di governance centralizzata, per garantire una gestione efficace e sicura dell’accesso basata sull’identità, che viene assicurata dai prodotti della famiglia NetIQ.

Il ruolo di protagonista di Micro Focus nel settore della Security è certificato anche dai principali analisti, che sottolineano l’importanza sia delle soluzioni specifiche di sicurezza sia di quelle a esse correlate.
Gartner, per esempio, ha inserito nel 2018 la famiglia Fortify tra i Leaders nel Magic Quadrant per Application Security Testing per l’ottavo anno di seguito, mentre IDC inserisce Micro Focus tra i Leaders nel suo MarketScape 2017-2018 per Worldwide Enterprise Automated Software Quality.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.