Mercato del credito ancora in negativo per le Pmi

L’Ufficio Studi di Confartigianato ha evidenziato che a novembre 2014 i prestiti alle piccole imprese sono calati del 2,5% e permangono critiche anche le condizioni sul mercato del credito all’artigianato che a settembre 2014 ha registrato prestiti per 47.904 milioni di euro, con un calo del 4% nell’ultimo anno, calo che tendenzialmente persiste da quasi due anni.

La flessione è diffusa in tutte le regioni tranne che in Campania (0,6%); le flessioni meno accentuate in Abruzzo (-2,1%) e Toscana (-2,2%). In 6 regioni su 20 si registra un miglioramento del trend, con una flessione del credito meno accentuata rispetto a quella di giugno 2014. In poco meno di un terzo (35) delle province si registra un calo tendenziale dei prestiti all’artigianato, ma con un miglioramento del trend. A fronte di un peso medio del credito all’artigianato sull’ammontare dei prestiti al totale imprese del 5,3%, in 10 province tale peso è uguale o superiore al 10%.

A dicembre 2014 in Italia le imprese hanno pagato un tasso di interesse sui nuovi finanziamenti del 2,56%, di 40 punti base superiore a quello medio dell’Eurozona a 19 (2,16%).

I tassi effettivi sui finanziamenti di cassa a breve e in essere per le imprese su territorio sono più elevati in Calabria (8,97%, +1 punto base in un anno), Sardegna (8,00%, +10 punti base in un anno), Sicilia (7,94%, -11 punti base in un anno), Campania (7,82%, -21 punti base in un anno) e Puglia (7,67%, -8 punti base in un anno) mentre è meno costoso in Trentino-Alto Adige (5,11%, -15 punti base in un anno), Friuli-Venezia Giulia (5,44%, -15 punti base in un anno) e Lombardia (5,58%, -43 punti base in un anno). Il gap tra la prima regione (Calabria) e l’ultima (Trentino-Alto Adige) è di 282 punti base; il valore massimo del tasso, registrato a Crotone (9,44%) è una volta e mezzo (329 punti base in più) quello medio nazionale (6,15%) e pressoché doppio (462 punti base in più) rispetto al tasso minimo rilevato in Provincia Autonoma di Bolzano (4,82%).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here