L’intelligenza artificiale è sempre più al centro delle strategie di marketing delle aziende. Strategie che hanno l’obiettivo di aumentare la personalizzazione delle campagne e di far crescere la fiducia e l’engagement dei consumatori.

È ciò che emerge dalla quinta edizione dello State of Marketing Report. Studio realizzato da Salesforce attraverso una ricerca condotta a livello globale su più di 4.100 leader del mondo del marketing.

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale da parte dei dipartimenti marketing, evidenzia Salesforce, ha raggiunto un tasso di crescita del 44% dal 2017. Tuttavia, con il miglioramento delle modalità di personalizzazione, solo il 30% si dichiara completamente soddisfatto della propria capacità di bilanciare questo aspetto con la privacy.

Lo State of Marketing Report di Salesforce si focalizza su quattro trend emergenti, dettagliati di seguito.

Marketing al centro della customer experience connessa

Le aspettative dei clienti hanno ormai raggiunto picchi storici. Di conseguenza, la missione degli esperti di marketing è sempre più quella di soddisfare le richieste dei consumatori.

Pertanto, non c’è da stupirsi se più della metà (54%) degli high-performing marketer afferma che la propria azienda sta portando avanti progetti di business legati alla customer experience.

marketingIl 65% dei responsabili marketing afferma che tutti i membri dei team presenti in azienda condividono obiettivi e strumenti di misurazione. C’è anche più connessione tra team marketing e team commerciale: il 50% di essi condivide obiettivi e strumenti di misurazione. Inoltre, più della metà (54%) ritiene giusto che ci sia una collaborazione tra i due dipartimenti.

Marketing e customer service sono i team che lavorano più a stretto contatto. Il 55% delle divisioni marketing collabora con le aree del customer service della propria azienda. Allo scopo di gestire le richieste e le questioni legate ai social media. Il 54% condivide con queste aree un flusso di dati relativo ai consumatori. E il 53% pone obiettivi e strumenti di misurazione comuni.

Più sono le fonti di dati, maggiori sono i rischi

I marketer si affidano all’abbondanza di fonti di dati per capire meglio le preferenze dei consumatori. Tutte le informazioni, dalla percentuale di apertura delle email alle attività sul web, fino ad arrivare alla demografia, aiutano i team del marketing a delineare profili precisi dei propri consumatori. Tuttavia gran parte di questi dati vengono immagazzinati in tecnologie inaccessibili e spesso difficili da unificare.

Si prevede che il numero medio di fonti di dati passerà da 10 nel 2017 a 15 nel 2019. Tuttavia, solo il 47% dei marketer afferma di avere una visione completamente unificata di tutte le fonti di dati relative ai propri clienti.

Le quattro maggiori tecnologie utilizzate per delineare l’identità dei clienti sono i database di marketing, i sistemi di CRM, i fornitori di servizi e-mail e le piattaforme di data management.

Di queste ultime si è ormai superato l’uso tradizionale per la gestione di Cookie ID al fine di generare segmenti di audience per la pubblicità digitale. Nei prossimi due anni, i marketer hanno intenzione di utilizzare le piattaforme di data management per i dati relativi alle audience. Per la loro identificazione e segmentazione, il riconoscimento e la gestione dell’identità, collaudo e ottimizzazione delle strategie creative e la personalizzazione di contenuti.

Intelligenza artificiale per la personalizzazione

La personalizzazione è la chiave per raggiungere tutti gli obiettivi di marketing. Incluse le attività di brand building, lead generation e acquisizione di nuovi clienti.

L’intelligenza artificiale permette ai marketer di identificare meglio i clienti e coinvolgerli con le giuste informazioni attraverso tutti i canali. Ciò, significa che essa è alla base di una buona strategia di marketing.

Allo stesso tempo, chi opera nel marketing sta tenendo sempre più in considerazione la fiducia e la privacy dei consumatori. Poiché c’è sempre più la consapevolezza che da queste dipende il successo delle strategie messe in atto.

L’adozione dell’intelligenza artificiale da parte dei cosiddetti high-performing marketer è già a un ottimo livello. Il 40% di questa categoria l’ha utilizzata nel corso del 2018.

Se si considerano invece tutte le categorie di marketer nel loro insieme, è il 29% ad aver utilizzato l’intelligenza artificiale nel 2018. Di cui, il 20% la utilizzava già dal 2017.

Oggi, la maggior parte delle aree marketing si serve di questa tecnologia in due diversi modi. Per potenziare le migliori offerte in real-time e per l’elaborazione di strategie di marketing predittivo.

Entro il 2020, gran parte dei marketer userà l’intelligenza artificiale per altri due scopi. Che includeranno la personalizzazione dei customer journeys e la creazione di landing page e siti web dinamici.

La recente regolamentazione della privacy ha reso la fiducia un imperativo anche nel mondo del marketing. Il 51% di chi opera in questo settore afferma di essere più consapevole dell’equilibrio tra personalizzazione e privacy di quanto lo fosse due anni fa.

Customer engagement in tempo reale

Il customer engagement in tempo reale rappresenta una priorità nel mondo del marketing, nonché la sfida più ambiziosa. I marketer sanno che qualsiasi comunicazione di marketing dovrà essere costruita sulla base dell’ultima interazione con il cliente. Il che significa che le campagne utilizzate dovranno essere dinamiche. Tuttavia, far emergere il next-best marketing message più efficace a prescindere dal canale che si utilizza è più facile a dirsi che a farsi.

Solo il 28% dei marketer si dichiara completamente soddisfatto della propria capacità di coinvolgere su larga scala i consumatori attraverso i canali utilizzati.

L’engagement bidirezionale è ormai prassi comune. Il 52% dei marketer adatta la propria strategia e le proprie tattiche di marketing sulla base di come i consumatori interagiscono con i contenuti da loro creati.

La capacità dei marketer di coinvolgere in maniera dinamica attraverso tutti i canali è in fase di consolidamento. Solo il 32% dei responsabili marketing si dice soddisfatto del livello di integrazione e scambio dinamico tra i vari canali. Una percentuale comunque in crescita rispetto al 28% del 2017.

Maggiori informazioni su Salesforce e possibilità di scaricare la quinta edizione dello State of Marketing Report, a questo link.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome