Marco Tranquillin, Google: le aziende devono saper estrarre valore dai dati

"Due dei temi che stanno assumendo un ruolo fondamentale sono sicuramente il valore del dato all’interno dell’azienda e l’importanza di trasformare le società in realtà data driven, ovvero che siano in grado di raccogliere i dati su grande scala ma soprattutto che siano in grado di estrapolare informazioni e valore dai dati. Questo significa che le aziende devono essere consce dei dati che hanno e devono essere in grado di comprendere come estrarne il reale valore. Ciò porta le aziende ad adottare strumenti che, vista l’enorme quantità di informazioni a disposizione, siano più scalabili possibile e offrano velocemente risposte a tutte le domande che il business pone". Questo il punto di vista espresso da Marco Tranquillin, Technical Program Manager di Google, alla Tavola Rotonda Outlook 2018 organizzata da 01net.

"Noi stiamo investendo molto in strumenti che permettono di effettuare analisi veloci di tali dati e di adottare un approccio più ibrido possibile – ha aggiunto Tranquillin –. Adottare il cloud può essere semplice per società che lavorano su sistemi web ma per quelle che lavorano nel manufacturing o nella produzione esporsi completamente al cloud diventa estremamente complesso. Quindi c’è la necessità di un approccio ibrido che permetta da un lato di effettuare analisi in locale e dall'altro di andare a scalare nel cloud quando se ne ha la necessità".

Servono architetture ibride

"C'è poi bisogno di strumenti collaborativi – ha sottolineato Tranquillin – che facilitino la velocità di trasferimento delle informazioni o il ragionamento di più persone all’interno dello stesso blocco informativo. E quindi di tecnologie di contenerizzazione tramite Kubernetes che permettano di avere architetture ibride".

"Le persone non devono ragionare solo sul contenuto informativo – ha sostenuto Marco Tranquillin – ma dovrebbero fare un passo in più adottando algoritmi di intelligenza artificiale. Questi non solo le aiutano a comprendere meglio il mondo che le circonda ma anche a estrapolare informazioni che magari l’occhio umano non riesce neanche a percepir, consentendo di costruire strumenti di predictive maintenance. Un investimento in queste tecnologie è quanto quest’anno si spera si possa fare un po’ in tutti i contesti".

Nel video seguente Marco Tranquillin racconta in 63 secondi su cosa dovrebbero puntare le Pmi secondo Google per ottenere un reale vantaggio dalla trasformazione digitale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here