L’ufficio al tempo dei Big Data? Roba da Data Scientist

Innovazione_Ufficio_Tecnologie_Donna_CartelloCon una quantità di dati in tutto il mondo pronta, secondo i risultati di una ricerca condotta da Information Governance Initiative, a moltiplicarsi 44 volte nei prossimi 10 anni, comincia a farsi spazio la figura del Data Scientist.

Spesso descritto come un professionista “part analyst, part artist”, al quale è richiesta una profonda abilità tecnica, insieme a un approccio creativo e analitico, il Data Scientist finirà per rappresentare un punto fisso in ufficio.

A sostenerlo è Symantec, intenta a spiegare i contorni di questa nuova figura professionale, dotata di un’approfondita conoscenza del panorama informatico attuale e delle principali minacce che le aziende si trovano ad affrontare, per supportarle nell’utilizzare al meglio i loro dati mantenendo, in primis, lontano da mani sbagliate la gestione e la governance dell’informazione.

Proprio la comprensione di quale dato sia importante proteggere risulta l’obiettivo chiave del Data Scientist chiamato, secondo Symantec, a creare valore reale in azienda partendo dalle enormi quantità di informazioni disponibili. Informazioni, spesso e volentieri, non strutturate e per le quali il Data Scientist è chiamato a riconoscere ed eliminare quelle che non rappresentano un valore aggiunto per il business.

Prova ne sono le informazioni contenute nei dati non strutturati delle aziende che si rivolgono direttamente ai consumatori, come le banche o le agenzie di viaggio, e che possono essere analizzate per migliorare la gestione della relazione con i clienti e le attività di marketing.
In questo caso, la promessa palesata da Symantec è di una figura in grado, non solo di analizzare i dati e scoprire, ad esempio, che i clienti preferiscono le banca online o che scelgono le vacanze in base alle raccomandazioni degli amici sui social media, ma di suggerire anche una strategia basata sui risultati.

Del Data Scientist, inoltre, il compito di garantire che le informazioni siano conformi a norme, regolamenti e policy di livello nazionale, in aggiunta al livello di regolamentazione e alle leggi sulla privacy previste a breve dall’Unione europea.

Con un Data Scientist a gestire le informazioni aziendali è, quindi, possibile risparmiare tempo e denaro, eliminando processi ripetitivi, mentre nell’ambito della protezione dei dati, Symantec prevede per il Data Scientist un ruolo chiave per il business.
A lui sarà, infatti, affidata la responsabilità di governare le informazioni dell’azienda facendo, comunque, ricorso a strumenti di sicurezza adeguati per garantire che i dati siano al sicuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here