Lucent e TeraBeam disegnano la rete con il laser

Lucent Technologies ha siglato un accordo con la startup TeraBeam Networks per la costituzione di una joint venture, che sarà chiamata TeraBeam Internet Systems. Questa, posseduta al 70% da TeraBeam e al 30% da Lucent, realizzerà e commer

Lucent Technologies ha siglato un accordo con la startup TeraBeam Networks per la costituzione di una joint venture, che sarà chiamata TeraBeam Internet Systems.
Questa, posseduta al 70% da TeraBeam e al 30% da Lucent, realizzerà e commercializzerà una tecnologia di networking basata sull'impiego del laser. Tale tecnologia potrebbe diventare un'alternativa alle attuali implementazioni di networking ad alta velocità, come le tecnologie ottiche e quelle wireless. Evidentemente, Lucent, che su queste ultime ha già investito parecchio, non vuole chiudersi ad altri sviluppi. Del resto i vantaggi del laser sono notevoli, poiché si risparmiano costose fibre ottiche (comprese tutte le spese di installazione) e si evitano questioni burocratiche (nonché tasse, licenze o concessioni che dir si voglia). Quest'ultimo punto può essere molto sentito in un paese come l'Italia, dove la legislazione sulle wireless LAN è ancora molto controversa e lacunosa. Per contro, la tecnologia laser ha pesanti limitazioni (prime fra tutte la necessità di una visibilità tra gli apparati e la sensibilità ai fenomeni atmosferici, come la nebbia), tanto che molti anali!
sti l'hanno bollato come una tecnologia di nicchia o utile per usi temporanei.
Lucent ha già due linee di prodotti laser: WaveStar e OpticAir. Tale esperienza fa parte del bagaglio che la società statunitense investirà in TeraBeam Internet Systems, insieme a 450 milioni di dollari in contanti e altri asset.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here