Lontana la ripresa per 3Com

In attesa che il mercato del networking si riprenda, il produttore statunitense chiude l’ottavo trimestre consecutivo in perdita

Pur mostrando deboli segni di ripresa il mercato del
networking resta 'critico'. È il parere di Bruce Claflin, presidente e Ceo di
3Com, società che proprio in questi giorni ha annunciato risultati finanziari
decisamente in perdita. Nel terzo trimestre dell'anno fiscale in corso, il
vendor di apparati di rete statunitense ha, infatti, riportato un fatturato pari a 356 milioni
di dollari, il 43% in meno rispetto ai 630 registrati nel medesimo periodo
dell'esercizio precedente. Nel trimestre terminato lo scorso 1° marzo le perdite
nette registrate sono state pari a 236 milioni di dollari, o 67 centesimi per
azione, rispetto ai 246 milioni, o 72 centesimi per azione registrati, sempre in
termini di perdite nette, un anno fa. A livello pro forma la società ha
riportato perdite nette per 42 milioni, o 12 centesimi per azione, di 4
centesimi migliori rispetto alle stime di First Call, mentre, nel medesimo
periodo di un anno fa le perdite nette pro forma erano state pari a 123 milioni,
o 36 centesimi per azione. Ma quello chiusosi è l'ottavo trimestre consecutivo
in perdita per la società che, almeno per il momento, non sembra in grado
di riferire se e quando tornerà all'utile. A quanto pare di sicuro ci
sarebbero solo nuovi tagli al personale, oltre a quelli che l'anno scorso hanno
dimezzato i 12mila dipendenti della società, e ai 500 annunciati lo scorso mese
di gennaio, che hanno portato a 5.400 il numero dei dipendenti
attuali.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here