Lo Storage Center di Compellent arriva a 5

Una soluzione di classe enterprise ma indirizzata ad aziende di tutte le dimensioni. Grazie soprattutto alla scalabilità e all’architettura a blocchi dinamici.

Una cosa Bruce E. Kornfeld, Marketing Executive Vice President di Compellent, vuol mettere subito in chiaro: ”Con Storage Center 5 proponiamo un nuovo approccio allo storage, rendendo disponibile una soluzione dinamica e di classe enterprise, davvero adatta ad aziende di qualsiasi dimensione”.

Lanciato ufficialmente in questo inizio d'anno, il nuovo Storage Center 5 di Compellent presenta una serie di atout che dovrebbero semplificare e velocizzare tutti i processi che riguardano le attività di disaster recovery e di automatizzazione dell'archiviazione.

Basato sull'architettura a blocchi dinamici, il nuovo Storage Center presenta una serie di funzionalità che vanno dalla Portable Volume Replication, alla protezione Raid 6, dallo Scalable SaS Storage, alla tecnologia Virtual Ports I/O.

”In particolare - spiega Kornfeld - proprio sul fronte della replication si registrano i maggiori vantaggi, sia in termini di tempi, sia in termini di costi. La possibilità di utilizzare volumi portatili consente ad esempio di trasferire i drive ai siti remoti durante la notte, evitando di dover spedire interi array o di dover aumentare la banda. Tutto questo senza richiedere training particolari e con evidenti vantaggi in termini di costi e di sicurezza”.

Quanto alla scalabilità, la soluzione oggi proposta è in grado di passare da 6 a 384 drive SaS di diversa capacità e velocità, supportando sia Fc sia iSCSI.

Come le altre soluzioni Compellent, anche Storage center 5 viene commercializzato in Italia attraverso la rete dei partner dell'azienda, della quale fanno parte realtà quali CDH, Cinetica, EnMa Consulenze, Eutelia, Gruppo Filippetti, Reti, IN20, Integra, Konica Italia e Lutech. Il modello, oltre a essere al 100% indiretto, viene definito da Compellent di “vendita assistita” a indicare che in alcun modo ”l'azienda fa concorrenza ai propri partner, intervenendo magari sui servizi o su altre attività a valore aggiunto che qualificano la rete commerciale”.

Quanto alle aziende target, proprio per la sua scalabilità e per la sua semplicità la nuova soluzione viene proposta ad aziende di tutte le dimensioni. E qualche referenza italiana già c'è. Nel mondo retail Iper, che sta già testando la nuova soluzione, così come lo sta facendo Bankadati (Gruppo Credito Valtellinese) nel mondo finanziario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here