Le aziende italiane spendono troppo poco nell’It

Le nostre imprese, secondo Assinform, investono nell’informatica il 40% in meno di paesi come Germania e Gran Bretagna

Le aziende italiane arrancano sulla strada delle nuove tecnologie informatiche. Secondo l'indagine Assinform (Associazione nazionale Information technology), infatti, le nostre imprese spendono il 40% in meno dei principali paesi europei per l'informatica; come se non bastasse, oltre il 70% sta riducendo gli investimenti in questo settore. I segni della frenata sono tanto più evidenti quanto più si esamina la relazione tra il mercato It e il Pil: quest'ultimo, nelle maggiori economie mondiali, cresce all'aumentare della spesa per l'Information technology. La produttività segue lo stesso percorso, quindi l'Italia figura tra le ultime posizioni nella classifica dell'innovazione e della competitività.

L'indagine Assinform ha esaminato un campione di 40 aziende, che rappresentano quasi il 30% del mercato italiano dell'It in valore. L'ultima rilevazione di luglio mostra un deciso peggioramento rispetto a quella precedente di febbraio. Oltre la metà del campione lamenta una flessione del fatturato e degli ordini; in particolare, il 42% ritiene che il fatturato sia diminuito (prima era il 39%), mentre è quasi raddoppiata la quota di chi ritiene che sia molto peggiorato (dal 3,6 al 6,1%). Conteggiando gli ordini, invece, si è notevolmente ridotta la percentuale delle aziende che li considerano stabili (dal 37 al 22,4%), mentre i pessimisti e super pessimisti sono balzati complessivamente dal 44,4 al 52,6 per cento.

Tutto ciò si riflette sull'occupazione, soprattutto per i consulenti: il 57,3% delle imprese stima una riduzione del loro numero (prima era il 55,5%), mentre il 31,4% prevede stabilità (era il 37%). I dipendenti possono dormire sonni tranquilli per il 54,5% delle aziende, al contrario del 21,3% che immagina un peggioramento dell'occupazione. La quota degli ottimisti, infine, è scesa dal 31 al 24,2% tra le due rilevazioni. Le imprese italiane, quindi, rinunciano sempre più a investire in nuovi progetti informatici, rinviando anche le spese di manutenzione e miglioramento delle tecnologie.

Per ridare cavalli ai motori sfiatati, Assinform rilancia l'It come fattore di sviluppo anti crisi e di maggiore efficienza aziendale. Un costo, insomma, che può e deve trasformarsi in un risparmio. «Da una parte ribadiamo - ha commentato il neo presidente di Assinform, Paolo Angelucci - la necessità di estendere alle tecnologie digitali la detassazione degli utili delle imprese che investono in macchinari, misura prevista nel decreto anti crisi (Tremonti-ter), oggi in Parlamento per la trasformazione in legge. Dall'altra, ci rivolgiamo al mondo del credito, affinché si aprano specifiche linee di finanziamento per agevolare gli investimenti in tecnologie digitali».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here