Lavoratori stressati. Causa Web

Lo rivela un’indagine di Ca secondo la quale dopo dieci secondi di attesa scatta l’arrabbiatura

I lavoratori italiani sono affetti da livelli inaccettabili di ‘stress da utilizzo del Web’ provocato dalla lentezza delle applicazioni online, spesso fonte di frustrazione e scarsa produttività. Lo afferma un’indagine di Ca secondo la quale stime dell’Unione Europea indicano un costo annuo di almeno 20 miliardi di euro dovuto a stress da attività lavorativa on-line.


Il 74% dei lavoratori ha dichiarato di dover utilizzare il Web per svolgere la propria attività molto più frequentemente ora di due anni fa e quasi tutti gli intervistati (il 98%) hanno ammesso che non potrebbero più svolgere il loro lavoro senza dover utilizzare le applicazioni online. In compenso, il 29% ha riconosciuto di scontrarsi ogni giorno con problemi di performance delle applicazioni, mentre un altro 36% ha parlato del verificarsi settimanale di cadute prestazionali. L’aspetto preoccupante è che il 91% ha affermato di essere costretto a usare determinate applicazioni gestionali anche se non funzionano bene.


Il 34% dei lavoratori concede a un’applicazione solo 10 secondi per rispondere prima di passare a qualcos’altro; quando sono trascorsi 20 secondi, il 55% ha esaurito la pazienza e, allo scadere del minuto, il 75% ha superato la propria soglia di sopportazione dello stress e passa ad altro.


Alla domanda sul tempo stimato necessario per risolvere eventuali problemi o errori, gli intervistati hanno manifestato aspettative altrettanto elevate: il 53% ha dichiarato che i problemi andrebbero risolti entro 10 minuti; la percentuale sale all’82% per chi parla di un’ora e al 97% per la risoluzione in giornata.


Lo stress da utilizzo del Web si manifesta quando un’applicazione funziona a rilento, lasciando insoddisfatte le aspettative dell’utente e suscitando emozioni negative che hanno un effetto dannoso sul luogo di lavoro. Secondo il 75%, la mancata performance delle applicazioni genera tempi morti e cali di produttività, mentre il 41% viene colto da rabbia e il 38% prova addirittura insoddisfazione nei confronti del proprio lavoro.


Dall’indagine è inoltre emerso che stando al 70% del campione intervistato, una funzione It interna di scarso livello incide negativamente sul giudizio che i dipendenti hanno sull’azienda per la quale lavorano; se i sistemi informatici impiegati al lavoro sono inadeguati, il 50% non raccomanda ad altri il l’azienda presso la quale lavora e il 32% prende addirittura in considerazione la possibilità di andarsene.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here