L’aiuto di FusionWorks alla gestione del prepagato

Sarà disponibile in autunno l’ultimo software di Openet Telecom, indirizzato soprattutto ai Communication Service Provider.

I Communication Service Provider (CPS) devono misurarsi, quotidianamente, con reti eterogenee e con dati che transitano nei formati più diversi. Per tali operatori, ovviamente, è necessario possedere gli strumenti adeguati per far pagare questo intenso e molteplice passaggio di informazioni. La fatturazione, infatti, non è connessa solo al traffico, ma è necessario fissare anche una serie di parametri diversi.
Proprio FusionWorks, che Openet Telecom presenterà nella nuova release 3.0 il prossimo autunno, sembra rispondere alle necessità delle società di telecomunicazione. Secondo Stefano Marchetto, country manager della società irlandese, FusionWorks va oltre la semplice raccolta dei dati, in quanto permette di estrapolare la tipologia e il segnale da manipolare, indipendentemente dal tipo di protocollo e dal supporto fisico usato per creare l’infrastruttura di trasporto.
Ma è caratteristico anche l’approccio, in grado di mediare opportunamente tra un modello basato sulla rete, quindi per sua natura statico, e uno più dinamico, in cui le informazioni raccolte possono interagire ed essere correlate indipendentemente dal formato.
La singola piattaforma convergente di FusionWorks, capace di erogare tutti i servizi necessari, offre anche il vantaggio di essere flessibile e caratterizzata da elevate prestazioni. Peculiarità completate, oltre che dalla qualità delle performance, dalla capacità di operare in real time. Tutto questo si rivela particolarmente importante quando è necessario gestire alcuni dei servizi che stanno diventando indispensabili per gli operatori moderni. Un classico esempio è il fraud-management, ovvero la capacità d’identificare e reagire immediatamente a collegamenti non autorizzati o al tentativo di effettuare chiamate senza pagare.
Inoltre, sempre per quanto riguarda la fatturazione, in Italia le schede prepagate riscuotono un enorme successo. E gli operatori stanno valutando il loro possibile utilizzo con la futura tecnologia Umts, anche se appaiono indecisi su quali servizi fornire gratuitamente e quali far pagare con modalità a tempo o in base alla quantità di dati transitati. In ogni caso una piattaforma adatta a supportare la modalità real time si rivela indispensabile.
FusionWorks gode anche il vantaggio di essere scritto con un linguaggio proprietario e di semplice utilizzo. In questo modo gli operatori possono configurare le nuove funzionalità senza doversi rivolgere a società esterne, con intuibili vantaggi in termini di riservatezza delle strategie aziendali. Inoltre la loro introduzione può avvenire senza la necessità di interrompere il funzionamento degli apparati.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here