La tecnologia “pixie dust” farà esplodere la capacità degli hard disk di Ibm

In un paio di anni l’azienda conta di raggiungere i 400 GB nei dischi per desktop e i 200 GB in quelli per notebook. Ma il vero obiettivo è il mercato della miniaturizzazione dei server.

Come i suoi concorrenti, anche Ibm sta lavorando intensamente per riuscire a raggiungere capacità da
primato nei propri hard disk. L'ultima novità a riguardo è l'intenzione di inserire nei dischi la tecnologia "pixie dust" il che
consentirebbe di portare in un paio di anni la densità di dati per pollice
quadrato a 100 Gbit, ossia di ottenere hard disk da 400 GB per i desktop, da 200
GB per i portatili e Microdrive da 6 GB.


"Pixie dust", lo ricordiamo, è il modo in cui in Ibm è familiarmente chiamata
quella tecnologia il cui nome tecnico è media ad accoppiamento
antiferromagnetico e che si basa sulla deposizione di un sottilissimo strato di
rutenio sui dischi all'interno dell'hard disk, nelle zone in cui sono
memorizzati i dati. Questa tecnica consente di aumentare la densità delle
informazioni e quindi aumentare la capacità nel suo complesso. Quella di "Pixie
dust" segue all'introduzione di altre tecnologie sui dischi fissi e cioè la
protezione agli urti e la riduzione del rumore.


Al momento l'obiettivo principale di Ibm non è però l'aumento sfrenato della
capacità sui segmenti desktop e notebook, bensì la possibilità di disporre il
più velocemente possibile di dispositivi in grado di affettare il processo di
miniaturizzazione dei server. È vero, dicono i responsabili dell'azienda, che si
tratta di un settore oggi non molto popolare, ma proprio per questo offre grandi
opportunità di business. Che, ovviamente, Ibm non intende lasciarsi
sfuggire.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here