La rete si allarga ai server e allo storage

Se il 2000 è stato l’anno della convergenza, termine nuovo per indicare il processo che per molti anni è stato definito (con i dovuti distinguo correlati al fenomeno Internet e IP) come integrazione, il 2001 si avvia a inserire un nuovo fattore nell’eq …


Se il 2000 è stato l'anno della convergenza, termine nuovo per indicare il processo che per molti anni è stato definito (con i dovuti distinguo correlati al fenomeno Internet e IP) come integrazione, il 2001 si avvia a inserire un nuovo fattore nell'equazione rete-servizi aziendali.
Questo fattore deriva dall'affermarsi di un nuovo insieme di architetture e di piattaforme tecnologiche in un settore sino ad ora sostanzialmente posto ai margini del mondo vero e proprio delle reti aziendali, quello dello storage. Gli apparati compresi in questo segmento tecnologico sono stati per lungo tempo visti come dei sistemi periferici di entità quali ambienti CED o server farm, sostanzialmente dissociati dallo strato di rete geografica e, in parte, anche dalla rete locale.
Ora tutto ciò sta cambiando e a livello aziendale si sta rivelando essenziale, in fase di riprogettazione delle proprie applicazioni, prendere in considerazione, sin dalla fase iniziale di un progetto, questo nuovo fattore.
Questa affermazione è vera in generale. Diventa però essenziale se si pianifica una rete orientata al supporto e all'erogazione di applicazioni di e-business evolute. Per intenderci, applicazioni in cui non solo si procede a ridefinire la modalità operativa stessa delle applicazioni aziendali, ma anche allo sviluppo di applicazioni complesse di CRM, dove l'interazione con il mondo esterno, l'esigenza di analizzare e spostare da un punto all'altro della rete grosse moli di dati, l'esigenza di trattare applicazioni che generano e utilizzano flussi dati, voce o video, finisce con il rappresentare una percentuale significativa del volume complessivo dei dati trattati.
Per fortuna, altrettanto in sordina e in modo sostanzialmente poco noto all'ambiente di Communication Technology classico, si sono delineate e consolidate delle architetture quali le SAN e la NAS, che hanno fatto di Internet il punto focale delle modalità di interazione in ambito geografico e di supporti in fibra quello locale e metropolitano. Questo indubbiamente facilita il processo in corso di integrazione tra i relativi mondi. Inoltre, sono già sorti dei comitati che hanno proceduto nella definizione di standard di comunicazione, i quali permettono di distribuire in ambito geografico i dati, vedendo gli apparti di storage o i server come degli elementi finali della rete stessa. In pratica degli user specializzati, cosa che rappresenta una notevole semplificazione in fase progettuale.
L'interesse ovviamente è notevole. In un'ottica di nuovi servizi, che non potranno non avere una forte componente multimediale, non avrebbe senso installare reti di nuova generazione senza prevedere dove, come e con che modalità, archiviare informazioni o farne il retrieval in modo intelligente e con una razionale utilizzazione delle costose risorse IT, oltre che di rete.
L'esigenza di definire un quadro unico, una specie di doppia convergenza tra voce e dati e tra sistemi di rete e sistemi server-storage, appare evidente se si considera ad esempio che in uno di queste associazioni, quella che ha definito lo standard di comunicazione in rete di sistemi di storage e di server distribuiti Infiniband, partecipano società quali Cisco, Ibm, Intel, Nortel congiuntamente a Compaq, Dell, Microsoft, Nec e Sun, solo per citarne alcune di quelle, tutte di primo piano, che partecipano all'iniziativa.
Peraltro, a questo sforzo si sta abbinando un altro fattore evolutivo, quello verso la realizzazione di infrastrutture in grado di erogare servizi di rete o applicativi in modo indipendente dall'allocazione delle risorse fisiche, viste nel loro complesso come un insieme virtuale a cui l'applicazione accede in modo trasparente. Questo approccio, riferito come “virtual networking” o “virtual storage”, rappresenta una ulteriore innovazione di cui si dovrà tenere progressivamente conto nella realizzazione delle applicazioni ICT di nuova generazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here