La prima offerta NAS targata Hitachi

La società giapponese rilascia tre prodotti per lo storage su reti Fibre Channel collegabili ad array di hard disk basati su SAN.

Hitachi Data Systems ha segnalato un cambiamento nella propria strategia di storage, rilasciando i primi dispositivi NAS che possono essere collegate agli array di hard disk basati su SAN. Solitamente, un dispositivo NAS include al proprio interno capacità di storage dedicate. I nuovi appliance di casa Hitachi non hanno hard drive integrati e parte della capacità storage degli array di hard disk basati su SAN, della casa giapponese, possono essere dedicati ai nuovi server NAS. La società ha introdotto tre prodotti NAS. Il primo è NasEngine, una unità con un attacco SCSI per array di modelli Hitachi 5800, 7700 e 9200, che include un processore Pentium III fino a 2 GB di RAM ed Ethernet a 10/100 Mbps. Lo SpanStor-Gt è, invece, un box che consta di quattro processori di rete NasEngine in cui ogni processore ha 10/100 Mbps (o Gbps) di connettività Ethernet e supporta fino a 2,2 TB di dati. Il terzo prodotto è il microStor-II un'unità a singolo processore di rete che include connettività 10/100 Mbps o Gbps Ethernet ma offre anche connettività Fibre Channel per collegare gli array 9200, 9910 e 9960. La nuova linea di Hitachi NAS è ancora in fase di produzione. Il vendor giapponese ha, invece, dismesso la produzione dei propri dispositivi SCSI 5800 e 7700 per concentrarsi proprio sugli altri modelli, che sfruttano Fibre Channel, ma continuerà a offrire feature aggiuntive anche per questi array. Attualmente, il microStor-II utilizza un bridge Fibre Channel-to-SCSI di Chapparal Network Storage ma, per la fine dell'anno, la società dovrebbe lanciare una versione con Fibre Channel nativo. I nuovi prodotti saranno resi disponibili direttamente da Hitachi o attraverso i canali di vendita indiretta.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here